Studio Covid: i vaccinati contagiano meno anche se hanno la stessa carica variale

Lo studio condotto dai ricercatori della Oxford University e pubblicato in pre-print su Medrxiv il 29 settembre scorso

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:01
Covid

Chi ha fatto il vaccino e viene contagiato dalla variante delta, non è tanto contagioso quanto chi non è stato vaccinato, anche a parità di carica virale. A indicarlo è uno studio condotto da ricercatori della Oxford University e pubblicato in pre-print su Medrxiv il 29 settembre, ma non ancora sottoposto a revisione paritaria.

Un precedente studio aveva evidenziato cariche virali simili in individui vaccinati e non vaccinati infettati dalla Delta, creando dubbi su quanto la vaccinazione possa prevenire la trasmissione del Sars-Cov-2.

Lo studio

Per il nuovo studio osservazionale, che vede come primo autore David W. Eyre, i ricercatori hanno esaminato i dati di 139.164 persone che erano state vaccinate completamente o solo con una sola dose, con i vaccini Pfizer-BioNTech o AstraZeneca, così come persone che non vaccinate. Di questi, 51.798 sono risultati positivi. I dati mostrano che chi aveva ricevuto la doppia dose poteva infettare con una probabilità del 65% in meno rispetto ad una persona non vaccinata se aveva fatto il vaccino Pfizer e del 36% se aveva ricevuto AstraZeneca.

Inoltre, riporta Ansa, i vaccinati avevano contagiato meno anche se la carica virale nelle loro vie aeree era la stessa dei non vaccinati (misurata tramite numero di cicli CT necessari a far individuare l’RNA virale nei tamponi molecolari). “La vaccinazione riduce la trasmissione della variante Delta”, concludono i ricercatori, “ma di meno rispetto alla Alfa”. L’impatto della riduzione della trasmissione è diminuito nel tempo, per questo “i richiami possono aiutare a controllare la trasmissione e prevenire le infezioni”. Inoltre, “fattori diversi dalla carica virale sono importanti nella riduzione della trasmissione associata al vaccino”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.