Ue-Usa: “Serve un’indagine sulle origini del Covid senza interferenze”

In India oltre 350 mila morti da inizio pandemia. Gli Usa allentano le restrizioni per 110 Paesi, Italia compresa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:08

“Senza interferenze”. Così deve essere, secondo l’Unione Europea (UE) e gli Stati Uniti, l’indagine sulle origini del Covid-19. Ue e Usa si apprestano a premere per un’inchiesta “approfondita”.

In una bozza, che i Paesi si augurano di adottare al vertice Ue-Usa il 15 giugno, si chiede una “fase due” di indagine “trasparente, basata sui dati, e libera da interferenze”. Lo riporta l’agenzia Bloomberg citando alcune fonti, secondo le quali gli Stati Uniti avrebbero chiesto alla Ue di sostenere uno studio sulle origini del virus nelle scorse settimane, richiesta alla quale è seguito il Sì dell’Unione Europea.

Fuga da Wuhan?

Lo scorso 4 giugno il virologo statunitense Anthony Fauci aveva lanciato un appello alla Cina affinché fornisse le cartelle cliniche di alcuni dipendenti del Wuhan Institute of Virology, perché a suo dire potrebbero contribuire a chiarire i dubbi sulla presunta “fuga” del coronavirus dal laboratorio cinese.

“Vorrei vedere le cartelle cliniche delle tre persone che si sono ammalate nel 2019“, ha spiegato lo scienziato chiedendo: “Si sono davvero ammalate? E di cosa? Che cosa dicono le cartelle cliniche di queste persone?”, ha insistito il virologo statunitense, chiedendosi se i ricercatori asiatici fossero “portatori del virus”.

Gli Usa allentano le restrizioni per 110 Paesi

Gli Stati Uniti hanno allentato le raccomandazioni sui viaggi verso oltre 110 Paesi, tra cui l’Italia. La decisione è degli U.S. Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) e interessa anche il Giappone, in vista delle Olimpiadi.

La nuova classificazione, pubblicata sul sito ufficiale dei Cdc, include 61 nazioni – tra cui il nostro Paese, la Francia, la Turchia, la Spagna, la Russia e l’Ungheria – passate dal ‘livello 40, il più alto per l’allerta Covid-19 e che invita a non compiere viaggi, al ‘livello 3’, che consiglia viaggi a chi è completamente vaccinato.

Altre 50 nazioni e territori sono scesi dal ‘livello 2’ al ‘livello 1’, ha spiegato un portavoce dei Cdc, come riporta la Reuters: ora la lista dei Paesi a più basso rischio Covid per gli Usa comprende Singapore, Israele, Islanda, Corea del Sud, Belize e Albania.

Covid: in India oltre 350 mila morti da inizio pandemia

Intanto, ha superato quota 350 mila il numero di morti per Covid-19 in India da inizio pandemia. Lo rivelano i dati dell’università americana Johns Hopkins. Il Paese dell’Asia meridionale da oltre 1,35 miliardi di abitanti ha registrato ufficialmente un totale di quasi 29 milioni di casi di contagio.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.