Tumori, in aumento nel 2020. Le donne le più colpite

I dati del rapporto "I numeri del cancro in Italia 2020"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:10

Sono in aumento le diagnosi di tumore in Italia nel 2020. Le più colpite sono le donne: rispetto al 2019 sono stati registrati 6.000 casi in più. Le nuove diagnosi previste quest’anno, 195.000 negli uomini e 182.000 nelle donne (nel 2019 erano 196.000 e 175.000). E’ quanto emerge dal rapporto “I numeri del cancro in Italia 2020”.

I tipi di tumore più diagnosticati

Il tumore più diagnosticato, nel 2020, è quello della mammella (54.976, pari al 14,6% delle nuove diagnosi), seguito dal colon-retto (43.702), polmone (40.882), prostata (36.074). In particolare, nel sesso femminile, continua la preoccupante crescita del carcinoma del polmone (+3,4% annuo), legata all’abitudine al fumo. La buona notizia è che aumentano anche le persone vive dopo la diagnosi: sono circa 3,6 milioni (+37% rispetto a 10 anni fa). Per quello che riguarda il tumore del colon-retto si registra un netto calo in entrambi i sessi, soprattutto grazie all’efficacia dei programmi di screening. Nel 2020, i casi di questa neoplasia sono in diminuzione de 20%.

L’efficacia delle campagne di prevenzione

Grazie all’efficacia delle campagne di prevenzione e delle terapie innovative, si è determinato un complessivo aumento del numero delle persone vive dopo la diagnosi. Almeno un paziente su quattro (quasi un milione di persone) è tornato ad avere la stessa aspettativa di vita della popolazione generale e può considerarsi guarito. Un altro dato importante è quello relativo alla riduzione complessiva dei tassi di mortalità stimati nel 2020 rispetto al 2015: sono in diminuzione sia negli uomini (-6%) che nelle donne (-4,2%), grazie ai progressi ottenuti nella diagnosi e nei trattamenti.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.