Una terza dose di AstraZeneca è efficace contro la variante Delta, lo studio in UK

Lo comunica la casa produttrice del discusso vaccino di Oxford, che ha rilevato un incremento degli anticorpi di 6 volte superiore dopo una terza inoculazione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:03

L’aggiunta di una terza dose nella somministrazione del vaccino anti Covid di Oxford-AstraZeneca rafforza l’effetto immunitario dell’antidoto e la sua capacità di neutralizzare sia la variante Alfa del virus (inglese), sia quella Beta (sudafricana), sia soprattutto quella Delta (indiana). E’ quest’ultima infatti che in questa fase preoccupa e dilaga di più nel mondo.

Lo si legge nel comunicato diffuso dalla stessa AstraZeneca in allegato alla presentazione dei risultati di un nuovo studio sperimentale aggiornato condotto dai ricercatori di Oxford. Il terzo richiamo, inoculato almeno 6 mesi dopo la seconda dose, incrementa gli anticorpi fino a 6 volte, viene precisato. Mentre “rivela una più elevata neutralizzazione delle varianti Alfa (B.1.1.7), Beta (B.1.351) e Delta (B.1.617.2)”.

Non solo: sia la seconda, sia la terza dose fanno registrare una minore reazione nei pazienti agli affetti collaterali rispetto alla prima. Reazioni comunque rare in generale e in larga parte “a basso impatto” e “ben tollerate”, si sottolinea.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.