Le cucine fantasma: il nuovo trend della ristorazione

Non solo home restaurant, il lockdown favorisce la 'cucina e consegna' a domicilio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:02

Il mondo del social eating e dunque dell’home restaurant incrocia il food delivery e si evolve. Ecco che dagli incontri conviviali attraverso il cibo al boom delle ghost kitchens (cucine fantasma) , le cucine in cui si preparano piatti da consegnare a domicilio.
Nasce un ulteriore declinazione di un settore, quello della ristorazione, in pieno sommovimento accelerato dalla tecnologia e dalla contingenza della crisi per la pandemia.

Social eating e cucine fantasma

Si chiama social eating ed è una branca della sharing economy: unisce tecnologia e cultura culinaria aprendo a prospettive di convivialità nuove ed impensabili prima dell’avvento del web. Partendo dall’assunto che il cibo è da sempre sinonimo di convivialità, grazie alla tecnologia la semplice preparazione di un pasto può diventare occasione unica di incontro e condivisione, ma anche di guadagno per l’organizzatore dell’evento realizzando così tutti i presupposti della sharing economy.

Qual è il luogo del social eating?

La home restaurant è l’espressione del social eating. Questo è uno spazio, normalmente privato, che grazie all’iniziativa e l’intraprendenza di chi ama cucinare diventa luogo d’incontro occasionale. Rappresentano il posto ideale per chi ha interesse a condividere ricette, sapori autentici e specialità. Inoltre si può sperimentare una nuova occasione di socialità.

Si mangia a casa dello chef

Ultimamente alla formula dell’invito a gustare le ricette in casa del cuoco, l’home restaurant, si sta affiancando la preparazione di specialità nella propria cucina da consegnare poi a domicilio (Cucina e Consegna). E non è l’unico esempio. Volendo inquadrare storicamente il nuovo trend, si tratta di un’evoluzione del catering, primo esempio di consegna di cibo a domicilio seppure in un ambito di eventi e certo non si usava ordinare, almeno fino a pochi anni fa, via app e web.

Il food delivery diventa una moda

Durante il lockdown, come è noto, tutto il food delivery, la consegna di cibo (come anche di spesa alimentare e in genere di ogni cosa, farmaci compreso) è esploso e secondo gli analisti sarà una delle ‘eredità’ della pandemia. Anche molti ristoranti, che stanno faticando a riaprire al pubblico, mantengono in attività le cucine per consegnare a domicilio come è stato fatto nei giorni della quarantena. Le cosiddette ghost kitchens, le cucine fantasma, ossia strutture per cucinare che producono cibo solo per la consegna, senza aree per mangiare sul posto o dedicate ai clienti, potrebbero creare un’opportunità globale di $ 1 trilione di dollari entro il 2030, secondo l’analisi Euromonitor di luglio 2020, che considera questo settore parte in accelerazione di un nuovo ecosistema in cui rientrano anche i virtual restaurants, ristoranti virtuali di marche alimentari che esistono solo online senza luoghi fisici

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.