“Mask challenge”: ecco la nuova campagna dell’Oms

Il direttore generale dell'Oms ha affermato che indossare la mascherina è un gesto di solidarietà

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:57

Si chiama “Mask challenge” la nuova campagna di sensibilizzazione lanciata dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) che ha come obiettivo quello di incentivare l’utilizzo della mascherina, dispositivo di protezione indispensabile per prevenire e limitare le possibilità di contagio da coronavirus.

La campagna “Mask challenge”

La nuova campagna di sensibilizzazione sarà tutta sui social, con la mascherina sul volto. “Postiamo sui social una nostra foto mentre indossiamo la mascherina per dare il buon esempio e mostrare il nostro impegno contro la diffusione del virus”.

E’ questo il messaggio della campagna. Dopo “Safe hands challenge”, l’invito a lavare bene le mani, e “Healthy at home challenge”, la campagna per chiedere di restare a casa, l’Oms ha deciso di lanciare “Mask challenge” ricordando che portare la mascherina è uno dei passi per poter fermare la pandemia.

“Indossare la mascherina – ha dichiarato il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus – significa lanciare un messaggio a chi ci circonda e cioè che siamo tutti sulla stessa barca“.

Le dichiarazioni del direttore generale dell’Oms

Lanciando la campagna, Ghebreyesus ha voluto sottolineare che “tutti hanno un ruolo da svolgere per interrompere la catena di trasmissione del virus. Se sei un operatore sanitario, un lavoratore in prima linea, ovunque tu sia – ha esortato – mostraci la tua solidarietà seguendo le linee guida nazionali e indossando la mascherina in modo sicuro mentre ti prendi cura dei pazienti o dei tuoi cari, vai sui mezzi pubblici per andare al lavoro o ti occupi di forniture essenziali. Oltre al disinfettante per le mani, porto sempre con me una mascherina – ha assicurato Ghebreyesus – e la uso quando mi trovo in luoghi in cui ci sono molte persone”.

Indossa una mascherina quando è necessario, mantieni la distanza fisica dagli altri ed evita i luoghi affollati – ha concluso – lavati frequentemente le mani e proteggerai te stesso e gli altri“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.