Medicina, isolate le cellule staminali del nervo ottico

Si apre la strada alla ricerca delle cure per le varie malattie. Per la prima volta un speranza contro il glaucoma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:06

Per la prima volta sono state isolate le cellule staminali nel nervo ottico, ovvero il treno di fibre nervose che porta le immagini catturate dall’occhio al cervello.

Dopo 53 sperimentazioni, un team di ricercatori dell’Università del Maryland è riuscito a identificare e a studiare le cellule staminali nel nervo ottico. Questo è fondamentale perché è incaricato di trasmettere segnali dall’occhio al cervello. La scoperta, prima nel suo genere, apre la strada allo sviluppo di nuovi trattamenti per le patologie che colpiscono il nervo ottico.

Tra queste il glaucoma, una delle principali cause di disabilità visiva e cecità al mondo. Il glaucoma, infatti, danneggia gradualmente il nervo ottico provocando alterazioni del campo visivo.

Lo studio nel dettaglio

Per compiere lo studio, pubblicato sulle pagine della rivista specializza Pnas, gli esperti sono stati coordinati da Steven Bernstein. Hanno analizzato una banda stretta di tessuto chiamata lamina del nervo ottico. Successivamente sono riusciti a isolare le cellule staminali utilizzando anticorpi e marcatori molecolari specifici per attaccarsi a staminali del sistema nervoso.

Per comprendere la portata del risultato ottenuto è fondamentale chiarire la funzione del nervo ottico. Questo trasporta le informazioni visive trasformate in segnali nervosi nella retina fino alla corteccia visiva nel cervello. Qui l’informazione è tradotta in immagini, consentendo in tal modo la percezione visiva. Nel glaucoma il nervo è danneggiato dalla pressione intraoculare alta per ristagno di liquidi.

I risultati della ricerca

Studiando le staminali nel nervo ottico gli esperti hanno scoperto che intervengono nella sua crescita e nella sua riparazione. E nello specifico che possono essere indotte a differenziarsi in diversi tipi di cellule neurali. Tra questi ci sono i neuroni e le cellule gliali. Proprio loro sono fondamentali per la riparazione cellulare e la sostituzione cellulare in diverse regioni del cervello.

Dallo studio è emerso che le staminali rilasciano anche un cocktail di fattori di crescita che sarà oggetto di future ricerche. Questa scoperta potrebbe rivelarsi rivoluzionaria per il trattamento delle malattie degli occhi che colpiscono il nervo ottico.

La strada verso un cambiamento radicale

“I risultati dello studio potrebbero inaugurare un cambiamento radicale nel campo delle malattie legate all’età che causano la perdita della vista”, ha comandato E. Albert Reece, dell’Università del Maryland. “Sono disperatamente necessarie nuove opzioni terapeutiche per i milioni di pazienti la cui visione è gravemente influenzata dal glaucoma, e penso che questa ricerca fornirà loro nuove speranze”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.