L’insulina compie 100 anni: un premio per celebrare la scoperta

Il Leonard Award di Lilly prevede in palio 100 mila euro per migliorare l'accesso alle cure ai diabetici nei paesi poveri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:24

Cento candeline per l’ormone insulina e un numero incalcolabile di vite di pazienti diabetici salvate dal 1921. E’ questo infatti l’anno della scoperta dell’ormone che regola la glicemia. In occasione del centesimo anniversario, Eli Lilly and Company – che ha avuto un ruolo fondamentale fin dalla scoperta della molecola – ha lanciato oggi in tutto il mondo il Leonard Award. Il premio è destinato a chi si è dedicato a migliorare la gestione del diabete attraverso pensieri e approcci innovativi. Verranno stanziati 100 mila euro per migliorare l’accesso alle cure, all’istruzione e alle medicine e forniture salvavita a bambini e giovani con diabete di tipo 1 nei Paesi con meno risorse.

Come candidarsi al Premio

Le candidature per il concorso verranno accettate fino al 31 agosto 2021 su Lilly.com/LeonardAward.

Il Leonard Award si ispira alla vita di Leonard Thompson, la prima persona con diabete ad essere curata con l’insulina nel 1922, e celebra i risultati attuali nella comunità del diabete. Il premio è aperto alle seguenti categorie:

  • teenager e giovani dai 18 ai 25 anni,
  • caregivers,
  • medici (endocrinologo, pediatra, medico di medicina generale), r
  • ricercatori,
  • educatori
  • infermieri.

Saranno selezionati cinque vincitori – uno per ogni categoria – grazie ai quali Lilly donerà 20 mila dollari ciascuno (100.000 dollari in totale) a Life for a Child, organizzazione no-profit dedicata proprio a fornire l’accesso alle cure, all’istruzione e alle medicine e forniture salvavita a bambini e giovani con diabete di tipo 1 nei Paesi poveri.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.