Influenza, attesi da 4 a 6 milioni di casi. Pregliasco: “Assomiglia al Covid”

Pregliasco: "Il problema di questo inverno saranno le diagnosi fra Covid e influenza". Figliuolo: "Grazie a precauzioni andremo verso normalità"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:05

In questa stagione sono attesi “dai 4 ai 6 milioni di casi di influenza vera, più le forme simil influenzali dei tanti virus meno invasivi, con in più il Covid”. Così a SkyTG24, Fabrizio Pregliasco, virologo della Statale di Milano, ospite di ‘Buongiorno’ sottolineando che “l’influenza è un problema sottovalutato, ma anche lei fa male. Nelle annate normali ha fatto subire dai 6 mila ai 10mila morti”.

Influenza simil Covid

Con la variante Delta, aggiunge, “il problema di questo inverno saranno le diagnosi fra Covid e influenza. “Per questo anche un adulto sano si dovrebbe vaccinare”. La terza dose si può ricevere anche in contemporanea, aggiunge Pregliasco.

Covid, Figliuolo: “Grazie a precauzioni andremo verso normalità”

Il cambio di passo, che ha fatto registrare un così alto numero di persone vaccinate, ha portato anche al drastico calo del numero dei ricoveri, delle terapie intensive e quindi dei decessi, allentando la pressione sulle strutture ospedaliere e permettendo di liberare risorse per curare tutte le altre gravi patologie che si erano dovute per forza di cose trascurare perché tutti i sanitari erano orientati per prevenire e curare il Covid”. Così il generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza Covid in un videomessaggio al Salone della Giustizia.

“Questo significa – ha aggiunto – tornare alla normalità, che è stata conquistata non senza fatica. Ancora oggi ci sono delle limitazioni e bisogna continuare con precauzioni e comportamenti virtuosi. Di questo dobbiamo dare atto agli italiani, che stanno veramente continuando a tenere questi comportamenti, che ci danno la garanzia di poter continuare ad andare verso una piena normalità, in tutte le sue forme”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.