Il Covid cambia la lingua? La risposta in una ricerca

Tra i vari cambiamenti che il virus apporta all'organismo c'è l'insorgenza di alitosi, approfondita da alcuni studi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:06
foto da Pixabay

Uno studio condotto dall’Università di BRNO nella Repubblica Ceca e pubblicato sulla rivista Special Care in Dentistry mette in guardia su uno degli effetti secondari del Covid.

Sembrerebbe infatti che tra i cambiamenti apportati dal virus a tantissime parti dell’organismo, ci siano anche conseguenze per la lingua e le mucose orali. Questo comporterebbe anche una sensazione di alito cattivo, abbinata al decorso della malattia.

La spiegazione degli specialisti

Come spiega Silvia Masiero, esperta della Società Italiana di Parodontologia e implantologia (Sidp), l’alitosi “è una condizione che spesso va di pari passo a una serie di patologie respiratorie, gastrointestinali e delle gengive. Queste, infatti, possono alterare le caratteristiche della saliva e la presenza di microrganismi anaerobici presenti sulla lingua o vicino ai denti e la produzione di composti volatili dello zolfo, che provocano il caratteristico odore sgradevole”.

Come in altre pandemie, i casi di alitosi segnalati agli specialisti sono aumentati al diffondersi nella popolazione del Sars-Cov-2.

Studi e ricerche a conferma della tesi

Per approfondire il motivo, un recente studio ha preso in esame 18 pazienti con Covid-19, che hanno sperimentato alitosi di nuova insorgenza durante l’infezione e hanno per questo problema cercato assistenza tra maggio e agosto 2020, lamentando disagio anche psicologico. L’età media del campione era di 35 anni e la maggior parte di loro aveva un livello di igiene orale adeguato.

I casi analizzati suggeriscono che le possibili alterazioni della superficie della lingua possono essere causate da Sars‐CoV‐2. Ne sarebbero responsabili i recettori dell’enzima di conversione dell’angiotensina 2 (Ace2), localizzati in abbondanza nella mucosa della bocca. Mediante scansione del dorso della lingua, i ricercatori del Centre for Evidence-based Health Care, guidati da Riad Abanoub, hanno osservato che l’alitosi era associata ad alterazioni epiteliali della mucosa della lingua desquamata, fatto che supporta l’ipotesi che il Covid-19 possa causare una riduzione del flusso salivare, collegato a maggiore incidenza di alitosi.

L’interazione degli antibiotici

Altro fattore che contribuisce all’insorgenza di alitosi in pazienti Covid è la somministrazione di antibiotici, capaci di modificare la proliferazione di specie batteriche orali associate all’alitosi. È plausibile, poi, osserva lo studio, che l’impatto della malattia possa aver peggiorato la routine dell’igiene orale e diminuito le cure dentistiche, il che influenza direttamente il microbioma orale.

L’ultima ipotesi, infine, conclude Masiero è “l’uso delle mascherine, che potrebbe aver aumentato l’autopercezione del problema. Tutti questi aspetti mettono in luce una serie di correlazioni ancora poco note e che vale la pena continuare ad approfondire”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.