Il coronavirus si trasmette attraverso l’aria? La risposta degli esperti

239 scienziati di 32 Paesi del mondo hanno scritto una lettera aperta all'Oms per chiedere di rivedere le raccomandazioni sul coronavirus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:36

Secondo degli esperti ci sarebbero prove del fatto che il Covid-19 si trasmetta nell’aria. Ben 239 scienziati di 32 Paesi del mondo hanno scritto una lettera aperta all’Organizzazione della Sanità (Oms) per chiedere di rivedere le raccomandazioni sul coronavirus, includendo tra le linee guida dell’Oms anche la trasmissione aerea del virus. Sono oltre 530 mila i decessi per coronavirus nel mondo. Secondo gli esperti, ci sarebbero prove del fatto che il Covid-19 si trasmetta nell’aria con importanti conseguenze nel contenimento del virus. Se così fosse, le mascherine sarebbero necessarie anche negli spazi al chiuso a prescindere dal distanziamento sociale. Inoltre, bisognerebbe rivedere e modificare i sistemi di ventilazione nelle scuole, negli ospizi, nelle case e negli uffici con filtri antivirali per minimizzare il ricircolo dell’aria. Il New York Times ha anticipato la missiva dei ricercatori che sarà pubblicata interamente la settimana prossima.

Peste bubbonica peggio del coronavirus

In Cina, nella Regione Autonoma della Mongolia interna, è stato scoperto un caso di peste bubbonica, malattia ben più grave e letale del coronavirus. Nello specifico, l’ospedale della regione di Urad Middle Banner, nella città di Bayannur, ha segnalato il caso. Il paziente, un pastore di Bayannur, è in quarantena ed è in condizioni stabili, ma non è chiaro come e dove l’uomo si sia infettato. A differenza del Covid-19, che è un virus, la peste è una malattia infettiva di origine batterica. L’unico vettore è la pulce dei ratti e può essere trasmessa anche da uomo a uomo. E’ letale in meno di 24 ore se non curata in tempo ma, se identificata tempestivamente, un pronto e corretto trattamento con antibiotici può portare, nella maggioranza dei casi, ad una prognosi positiva.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.