L’elisir della giovinezza esiste? Forse sì

I dati di una ricerca pubblicata sulla rivista Microbiome potrebbero far pensare che gli scienziati abbiamo trovato le modalità per mantenerci giovani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:09

Nel corso dei secoli, l’elisir della giovinezza è stato protagonista di miti e leggende. Ora invece, alcuni scienziati potrebbero averlo scoperto. Uno studio internazionale guidato da Claudio Nicoletti dell’Università di Firenze, che coinvolge anche gli atenei di Milano e Pisa, rivela che il trapianto del microbiota intestinale – ossia l’insieme di batteri che colonizzano il nostro intestino – potrebbe divenire un elisir di giovinezza. Pubblicata sulla rivista Microbiome, la ricerca mostra infatti che si possono letteralmente far invecchiare dei topini giovani trapiantando nel loro intestino il microbiota di topolini anziani.

La sperimentazione

Dopo il trapianto di microbiota i batteri che colonizzano l’intestino dei topolini riceventi virano verso quelli presenti nell’intestino di un animale anziano. Parallelamente a questo cambiamento a livello intestinale, anche il cervello dei topini giovani sembra invecchiare di colpo, con cambiamenti evidenti soprattutto nell’ippocampo, sede di apprendimento e memoria. E infatti i topini giovani iniziano a comportarsi come animali anziani dal punto di vista mentale, mostrando peggioramento significativo di apprendimento e memoria.

I passi successivi

Bisognerà adesso vedere, sottolinea Nicoletti, se al contrario, trapiantare nell’intestino di animali anziani il microbiota di animali in tenera età possa restituire “giovinezza” al cervello degli anziani, insomma se agendo a livello intestinale si può ottenere il ringiovanimento delle funzioni cognitive. Secondo gli esperti ci sono buone possibilità in tal senso, perché è ormai sempre più chiaro che intestino e cervello sono intimamente connessi l’un l’altro.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.