Covid, Ricciardi: “La quarta ondata è già in corso, dipende da noi se diventerà grave”

Da quanto emerge dall'analisi dei numeri nei bollettini quotidiani forniti da Ministero della Salute e Istituto superiore di Sanità nell'ultima settimana i morti per Covid-19 sono aumentati del 6,2%

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:06
ricciardi
Il consigliere del Ministero della Salute per l'emergenza coronavirus, Walter Ricciardi

“La quarta ondata epidemica è già in corso ma la possiamo ridurre. Possiamo far sì che sia un’ondina. Dipende da noi che non farla diventare un’ondata impetuosa come in altri Paesi”. Lo afferma Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute per l’emergenza coronavirus. “Dobbiamo continuare a usare protezioni, fare le terze dosi e gestire bene il testing e tracciamento nelle scuole in maniera adeguata”.

L’andamento settimanale del Covid-19 in Italia

Nella settimana appena trascorsa, 1-7 novembre 2021, continuano a salire i casi di Covid in Italia, ma la curva rallenta. Sono stati in totale 36.095 i positivi: +17,22% rispetto ai 30.792 della settimana precedente, secondo i calcoli riportati da TgCom25 sui dati ISS e Ministero della Salute. Una crescita quasi dimezzata dato che nella settimana 25-31 ottobre c’era stato un aumento del 32,13% sul 18-24 ottobre (30.792 vs 23.305), che a sua volta aveva segnato un +32,4% sulla settimana 11-17 ottobre (23.305 vs 17.602).

Decessi in crescita del 6,2%

In crescita i decessi, che da inizio ottobre seguono una curva ondulatoria comunque in leggero aumento. Da quanto emerge dall’analisi dei numeri nei bollettini quotidiani forniti da Ministero della Salute e Istituto superiore di Sanità nell’ultima settimana aumentano del 6,2% (291 vs 274). Il numero delle vittime è in crescita: sono state 270 nella settimana 4-10 ottobre, 240 nella settimana 11-17 ottobre (-11,11%), 285 nella settimana 18-24 ottobre (+18,75%), 274 nella settimana 25-31 ottobre (-3,86%).

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.