Covid, Iss: “Rt in aumento a 0,83. Due Regioni sopra la soglia di allerta”

Sale anche l'incidenza settimanale dei casi di Covid-19 a livello nazionale: 310 ogni 100.000 abitanti contro 222 ogni 100.000 abitanti della scorsa settimana

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:06

Il monitoraggio settimanale Iss-ministero della Salute evidenzia che, nel periodo 25 maggio – 7 giugno 2022, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,83 in aumento rispetto alla settimana precedente quando era pari a 0,75, con un range che supera la soglia epidemica. Sale anche l’incidenza settimanale dei casi di Covid-19 a livello nazionale: 310 ogni 100.000 abitanti contro 222 ogni 100.000 abitanti della scorsa settimana.

Il rapporto ISS

L’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero, rileva il monitoraggio settimanale, è in aumento, con un intervallo che raggiunge la soglia epidemica di 0,95 (0,91-1) al 07/06/2022 rispetto ad un Rt pari a 0,80 al 31/5.

Il tasso di occupazione in terapia intensiva dei malati di Covid scende al 1,9% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 16 giugno) rispetto al 2,0% del 9 giugno. Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale sale invece lievemente al 6,7% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 16 giugno) rispetto al 6,6% sempre confrontato con il 9 giugno.

Due Regioni sopra la soglia di allerta

Due Regioni tornano questa settimana a superare la soglia di allerta del 15% per l’occupazione dei reparti ospedalieri ordinari da parte di malati Covid. Sono la Sicilia, al 15,5%, e la Valle d’Aosta al 15,3%.

Anche l’incidenza dei casi Covid su 100mia abitanti questa settimana è tornata salire, fissandosi a 222. Le incidenze più elevate si registrano in Sardegna, dove il valore è schizzato a 448,6 casi per 100mila abitanti, e Lazio dove il valore tocca 406,7. I dati emergono dalla tabella sugli indicatori decisionali, che l’ANSA ha potuto visionare, allegata al monitoraggio settimanale Iss-ministero Salute.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.