Covid: 22 positivi in un centro disabili Stella Maris nel Pisano

Stella Maris: "22 pazienti positivi e 9 in area quarantena perché venuti a contatto con i primi positivi". Gli operatori contagiati sono 6

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Disabilità

La Fondazione Stella Maris comunica che “il virus Covid-19 è entrato nel Centro di riabilitazione-Residenza sanitaria per disabili di Montalto di Fauglia (Pisa)” e che “l’infezione si è diffusa nonostante il personale mettesse in atto tutte le necessarie misure previste dai protocolli interni anti Covid in ottemperanza alle diverse disposizioni regionali e governative”.

Il centro disabili Stella Maris

Lo ha reso noto la Stella Maris ad Ansa confermando che “sono 22 i pazienti positivi e 9 in area quarantena (perché venuti a contatto con i primi positivi)”, mentre gli operatori contagiati sono sei. I servizi Asl, prosegue la nota, “preposti a situazioni di emergenza di questo tipo sono prontamente intervenuti e si è stabilita immediatamente una perfetta collaborazione per superare il momento con l’obiettivo di scongiurare ogni pericolo per i nostri ragazzi”.

Il focolaio alla Stella Maris di Fauglia era stato denunciato anche da Cgil e Cobas e la Stella Maris precisa “che l’intervento dell’Asl nel caso di possibili infezioni in comunità come le Rsd è una misura prevista dalle attuali disposizioni e non ci risulta che sia intervenuta a seguito della richiesta dei sindacati”.

In particolare la Cgil aveva sottolineato che le scelte compiute dai responsabili del centro fanno “sorgere il dubbio che chi le ha messe in atto non conosca come si possa arginare il contagio, né quali siano le regole per mantenere il personale in sicurezza”. “Affermazioni gravi – conclude la Stella Maris – che abbiamo trasmesso ai nostri avvocati per ogni valutazione circa possibili azioni legali”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.