Coronavirus, 85 bimbi contagiati in Texas: hanno tutti meno di un anno

Il Texas è uno degli Stati Usa più colpiti. Fauci: "Governatori impongano mascherine". Donald Trump ribadisce il suo no all'obbligo delle mascherine

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:54
Misurazione della temperatura corporea ad un neonato

Allarme Covid-19 in Texas dove 85 bambini sotto i 12 mesi sono risultati positivi al coronavirus. Tutti i casi sono localizzati nella zona rossa della contea di Nueces, dove si trova la città di Corpus Christi, sul Golfo del Messico. Nella stessa area decine di altri bimbi sono stati contagiati nelle ultime settimane. Proprio in Texas è stato registrato nelle ultime ore il peggior dato giornaliero di decessi dall’inizio dell’epidemia, con 174 morti.

Texas e Usa

Il Texas è uno degli Stati americani maggiormente colpiti. Ma anche in altre zone degli Usa, la pandemia non si arresta. Gli Stati Uniti hanno il numero più alto di casi al mondo, con oltre 3,5 milioni di contagi registrati. Solo oggi i nuovi casi sono stati oltre 77 mila. E in poche settimane i casi quotidiani sono più che triplicati: a meta’ giugno la media era a 25 mila. Negli Stati più colpiti, tra cui Texas e Arizona, sono stati attivati i camion refrigerati per custodire le salme con gli obitori ormai a massima capienza. Nel mondo, il bilancio complessivo ha superato oggi quota 14 milioni di contagi (14.060.402) e quasi 600 mila morti (597.315), secondo i dati aggiornati dell’università americana Johns Hopkins.

Fauci: “Governatori impongano mascherine”

Negli Stati Uniti l’immunologo della task force anti-coronavirus Anthony Fauci ha raccomandato che i governatori “siano più energici possibile” nell’imporre la mascherina in pubblico nei rispettivi Stati. Indossarla, ha detto, “è veramente importante” come strumento per combattere la diffusione del contagio. Lo scrivono i media. Ma poco dopo il presidente Donald Trump in un’intervista all’emittente Fox, pur non entrando nel merito delle parole di Fauci, ha ribadito di essere contrario a imporre la mascherina al Paese, e di voler preservare “una certa libertà”.

“Situazione molto grave”

“Quando si vive la propria vita e si sta cercando di riaprire il Paese – ha dichiarato Fauci durante un collegamento con la camera di Commercio Usa -, si viene a contatto con altre persone. Proprio per questo sappiamo che le mascherine sono molto importanti e che dovremmo usarle ovunque”. Fauci ha detto di “rispettare lo spirito d’indipendenza del nostro Paese”, aggiungendo che in questo caso però è diverso. “la gente deve capire che siamo in una situazione molto grave che richiede che le comunità si stringano”. “Se più gente lo capisse, avremmo la speranza di vedere più persone invogliate a indossare le mascherine”, ha concluso il capo della task force sul Covid-19 dell’Amministrazione Trump.

Trump: “No all’obbligo delle mascherine”

Donald Trump ribadisce il suo no all’obbligo per le mascherine. Il Presidente non essere d’accordo con le indicazioni date dai vertici delle autorità sanitarie e con Anthony Fauci. “Io penso che la mascherina sia un bene – ha detto in una intervista a Fox News – ma voglio che la gente abbia una certa libertà. Non credo che si debba prendere in considerazione un obbligo a livello nazionale. E non sono d’accordo con chi dice che se si indossa la mascherina la pandemia scompare”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.