Combattere la sedentarietà con soli tre minuti di movimento, ecco come

Uno studio svedese ha scoperto che pause da 3 minuti di moto ogni 30 di lavoro sedentario abbassano la glicemia nel sangue

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:40
Immagine da Pixabay

Alzarsi dalla sedia ogni mezz’ora può aiutare a migliorare i livelli di zucchero nel sangue e la salute generale. Lo suggerisce  uno studio svedese, del Karolinska Institutet. Seppure su un campione ristretto, lo studio è apparso sull’American Journal of Physiology-Endocrinology and Metabolism.

Secondo l’indagine basta anche un modesto intervento di tre minuti ogni 30 minuti in termini di attività fisica per ottenere un piccolo miglioramento della glicemia e delle fluttuazioni di zucchero nel sangue.

Come riporta Ansa, “Interrompere uno stile di vita sedentario – sottolinea l’autore senior dello studio, Erik Naslund – ha benefici metabolici positivi, quindi è utile non sedersi tutto il giorno, alzarsi e muoversi”.

Naslund inoltre suggerisce che più pause durante i periodi in cui si sta seduti producono maggiori benefici.

“Per maggiori benefici, molto probabilmente, è necessaria una maggiore dose di esercizio”, aggiunge lo studioso

Come si è svolta la ricerca

Il team di ricerca ha seguito per tre settimane i 16 adulti obesi che conducevano uno stile di vita sedentario o avevano un lavoro per il quale stavano seduti tutto il giorno. Per 10 ore al giorno, un fitness tracker ha ricordato ogni 30 minuti a ciascun partecipante di alzarsi e muoversi.

Durante periodi di attività di tre minuti, le persone coinvolte nello studio hanno praticato attività di intensità da bassa a moderata, come camminare o salire le scale.

I ricercatori hanno confrontato quanti erano attivi con un gruppo che invece non faceva pause. È emerso che i primi avevano livelli di colesterolo Ldl (“cattivo”) più bassi e livelli di zucchero nel sangue altrettanto inferiori, oltre che meno picchi e cali nella glicemia. Le pause di attività, tuttavia, non hanno migliorato la tolleranza al glucosio complessiva per la quale evidentemente questi piccoli momenti non erano sufficienti.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.