Bambini a rischio asma e dispnea: ecco perché

A rivelarlo uno studio pubblicato sulla rivista British Medical Journal e condotto da Torben Sigsgaard, dell'Università di Aarhus in Danimarca

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:13
bambini

Inquinamento e polveri sottili, si sa, non fanno bene. Addirittura durante il periodo iniziale della diffusione del Coronavirus si è pensato che favorissero maggiormente il diffondersi del virus. Un problema ancora più grave, in realtà, è che possono favorire l’insorgenza di asma e dispnea (un problema respiratorio temporaneo o cronico) nei bambini. A rivelarlo è uno studio pubblicato sulla rivista British Medical Journal e condotto da Torben Sigsgaard, dell’Università di Aarhus in Danimarca.

 

Diagnosi di asma e dispnea persistente sui bambini

Gli esperti hanno osservato per molti anni un campione di oltre 3 milioni di bambini nati tra 1997 e 2014 e registrato tutte le diagnosi di asma e dispnea persistente eseguite dalle età di 1 anno fino a 15 anni.

 

I fattori di rischio

Nel corso del periodo di osservazione sono stati segnalati in tutto 122.842 bambini con asma o dispnea. Gli esperti hanno analizzato i livelli di inquinamento nelle rispettive zone di residenza. Inoltre hanno tenuto conto di tutti i fattori di rischio noti per asma e dispnea (ad esempio il fumo di sigaretta da parte della mamma in gravidanza, un basso livello di istruzione dei genitori e presenza di asma in famiglia).

 

Le polveri sottili

Ebbene, è emerso che pur considerando tutti i fattori di rischio noti, asma e dispnea vengono diagnosticati più di frequente tra i bambini. In particolare quando questi vivono in aree molto inquinate. La situazione è più grave se vivono in presenza di polveri sottili (il particolato fine di diametro di 2,5 nanometri o inferiori). Secondo gli esperti questo studio indica che se si adottassero politiche di riduzione degli inquinanti ambientali, si riuscirebbe a ridurre la frequenza di nuovi casi di asma in età pediatrica.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.