Aifa, via libera al richiamo per J&J a sei mesi dalla prima dose

Gli italiani vaccinati con il preparato di Johnson & Johnson sono circa un milione e mezzo ed effettueranno la dose booster con un preparato a mRna

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:14
Johnson & Johnson Covid

La Commissione tecnico scientifica dell’Aifa ha conferito un parere positivo in merito alla cosiddetta “dose booster con un vaccino a mRna per i soggetti a cui è stata fatta la prima dose del preparato anti covid di Johnson & Johnson.

I dati disponibili

La stessa commissione, secondo i dati disponibili in merito per il vaccino Janssen, ha sottolineato che permane una sostanziale stabilità della risposta immunitaria fino a otto mesi dalla somministrazione del preparato ed una contestuale protezione nei confronti delle manifestazioni più gravi della malattia, l’ospedalizzazione poi il decesso almeno fino a sei mesi dalla vaccinazione avvenuta. I dati tuttavia hanno evidenziato che, con il passare dei mesi, è osservabile una lenta decrescita dell’efficacia nei confronti delle forme moderate dell’infezione.

I numeri dei vaccinati con Johnson & Johnson

Gli italiani vaccinati con il preparato di Johnson & Johnson in Italia sono quasi un milione e mezzo e la dose di richiamo dovrà essere effettuata con un vaccino Moderna o Pfizer.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.