Ecco l'app che ti dice dove avverrà un bombardamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Una app che anticipa via social i possibili bersagli dei bombardamenti in Siria al fine di aiutare la popolazione civile. E' l'idea realizzata dall'imprenditore americano Dave Levin che, insieme ad un ex diplomatico Usa, John Jaeger, e ad un programmatore di computer siriano, ha creato un sistema denominato Hala System. A finanziare il progetto, riferisce il New York Times, sono stati governi occidentali e donazioni di amici e famigliari.

Hala System

Ma come funziona Hala? Attraverso la partecipazione della popolazione. Il team infatti ha dapprima creato una rete di contatti affidabili, reclutando insegnanti, ingegneri e anche agricoltori (alcuni dei quali residenti vicino alle base aeree russe o siriane, altri nei territori controllati dai ribelli anti Assad) come osservatori di aerei in partenza dalle basi.

Equipaggiati con una semplice app sullo smartphone, questi volontari controllano i cieli in turni di otto ore, e quando appare un aereo condividono le informazioni su localizzazione, direzione e, se possibile, il tipo. Le informazioni sono integrate con ulteriori dati di sensori nascosti in cima agli alberi e ad edifici alti, in modo da raccogliere dati acustici utili per determinare velocità e modello dell'aereo. Pochi secondo dopo, il software di Hala System compara le nuove informazioni con quelle di precedenti episodi, calcolando le previsioni sui probabili obiettivi e sull'orario dell'attacco.

Le proiezioni vengono diffuse immediatamente sui canali dei social, facendo scattare una rete di allarmi tra la popolazione civile, i soccorritori e gli ospedali. Secondo un'analisi preliminare, questo sistema basato su calcoli di probabilità sembra abbia contribuito a salvare concretamente centinaia di vite umane.
   

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.