“Welcome Tech”: un’app per aiutare gli immigrati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:06

Gli immigrati, nel momento in cui arrivano in un paese nuovo devono affrontare una miriade di sfide, oltre a dover imparare una nuova lingua. In molti casi, si devono interfacciare con un sistema finanziario estero e complesso, possono avere difficoltà a trovare un alloggio e un’assistenza sanitaria adeguati e, in generale, sentirsi persi.

Welcome Tech, una startup che mira a costruire “un sistema operativo” per le famiglie di immigrati, ha raccolto 30 milioni di dollari in finanziamenti per aiutare queste persone non solo ad adattarsi, ma anche a sentirsi a proprio agio e “prosperare” in ambienti nuovi. Costruito dagli immigrati per gli immigrati, Welcome Tech vuole fare proprio ciò che indica il suo nome: aiutare gli immigrati a sentirsi più benvenuti, avere una transizione più facile e ottenere un maggiore successo già dal loro arrivo.

TTV Capital ha guidato l’ultimo round di finanziamenti di Welcome Tech, che porta il totale raccolto dalla società dal 2010 ad oggi a 70 milioni di dollari. A unirsi a TTV per raddoppiare i loro investimenti nella società sono stati Owl Ventures, Opportunity Fund di SoftBank, Mubadala Capital e Next Play Capital.

Il co-fondatore, CEO e presidente di Welcome Tech, Amir Hemmat, afferma che l’approccio iniziale della sua azienda è stato totalmente diverso da quello di altre realtà, in quanto piuttosto che lanciare un prodotto bancario e poi puntare a guadagnare la fiducia della comunità che intende servire, prima “ha lavorato duramente per guadagnare quella fiducia e comprendere i bisogni della comunità”.

Quindi, nei suoi primi anni di esistenza, Welcome Tech si è concentrata sulla fornitura di risorse educative, informazioni e servizi per le popolazioni immigrate, con un focus primario iniziale sulla comunità ispanica negli Stati Uniti con la sua prima offerta, soprannominata SABEResPODER (che significa conoscenza è potere in spagnolo), e fungendo da “risorsa ampiamente riconosciuta e affidabile” per i membri della comunità ispanica negli Stati Uniti, afferma l’azienda. Perciò, forte delle conoscenze e dei dati raccolti nel corso degli anni, Welcome Tech nel novembre del 2020 ha lanciato anche un servizio bancario con una carta di debito e un’app mobile bilingue.

“Qualche settimana fa abbiamo raggiunto 1 milione di app attivate del nostro portafoglio digitale”, ha detto Hemmat. “Riteniamo che il futuro dell’immigrazione parta proprio dal nostro portafoglio digitale e che il consumatore debba avere, in modo equo, la possibilità di effettuare più e più transazioni in modo equo”. Da marzo 2021 a marzo 2022, la società afferma di aver registrato un aumento del 2.200% del portafoglio clienti. E nello stesso periodo, le entrate generate da quel portafoglio digitale sono aumentate del 2.800%. Ad oggi, secondo Hemmat, Welcome Tech ha attivato oltre 500.000 conti bancari “gratuiti” bilingue per la comunità ispanica.

Nel gennaio del 2021 è nata un’offerta di abbonamento mensile che offre agli utenti l’accesso a “risorse low cost”, grazie ad accordi con professionisti, tra cui medici e dentisti. Ad esempio, gli abbonati hanno accesso a consulenze con medici di lingua spagnola “ogni volta che ne hanno bisogno”, diritto a sconti del 10%-85% sui farmaci e del 10%-50% sui servizi dentistici. Non è richiesta l’assicurazione sanitaria, tutti gli immigrati sono accettati e l’offerta include un servizio clienti bilingue. Secondo Welcome Tech, questo nuovo servizio in abbonamento sta avendo una crescita costante del 50% in ogni trimestre, dal primo trimestre del 2021 al primo trimestre del 2022.

L’azienda offre anche un Rewards Center, che offre un incentivo finanziario per la partecipazione a riposo sondaggi, un’offerta chiamata FarmaSEP per aiutare gli utenti a risparmiare denaro sulle prescrizioni e PODERSeguros, per aiutarli a ottenere l’assicurazione auto. Mentre molte aziende utilizzano la pubblicità digitale per attirare clienti, Welcome Tech ha anche un “approccio offline”, sfruttando le collaborazioni con ambasciate e consolati in tutto il paese che ingenerano crescita e profitti continui.

Secondo Hemmat: “Un modo in cui abbiamo superato gli altri nell’acquisizione di utenti è scommettere sull’istruzione, quando nessun altro lo avrebbe fatto. La nostra piattaforma proprietaria si basa sull’essere una risorsa e un partner fidato per il consumatore americano. E abbiamo raggiunto questa posizione, investendo molto nell’istruzione e costruendo un portafoglio di contenuti per il consumatore immigrato”.

Hemmatt non ha paura della concorrenza! Il CEO si dice “orgoglioso” del fatto che ci siano più aziende che si concentrano, ora, sugli immigrati. “Si sapeva”, esclama sorridente. “Per noi si tratta davvero di essere quella ‘Super App’ per il consumatore immigrato e molto più di un singolo servizio. E quindi molti di questi fornitori di servizi potranno diventare vostri partner su tutta la linea. In definitiva, ciò che vogliamo essere è la piattaforma transazionale preferita dai consumatori”.

Dall’ultimo finanziamento, Welcome Tech ha ampliato il suo team da 20 a 80 dipendenti, appartenenti per il 48% a “minoranze diverse” e il suo consiglio di amministrazione ora è etnicamente “diverso” per oltre il 71%, afferma.

Siamo un marchio di stile di vita e una piattaforma volta a costruire un futuro migliore per gli immigrati e questo aumento ci aiuterà a compiere enormi passi in tal senso. Vogliamo espanderci al di fuori degli Stati Uniti e non vediamo alcun limite al modello di business e alla tecnologia che abbiamo costruito”, ha affermato Hemmat. Gardiner Garrard, co-fondatore e socio amministratore dell’investitore principale TTV Capital, ha dichiarato, inoltre, che Welcome Tech “non aveva necessariamente bisogno di aumentare”.

“Una delle cose che fai nell’asset allocation di una venture capital è appoggiarsi ai vincitori. Compri quelli che stanno facendo bene e ci metti tutte le tue risorse. Penso che in questo caso, per gli investitori esistenti, questo nuovo investimento è stato possibile perché la società aveva molti vantaggi, tra cui un grande mercato che si stava comportando, convertendo ed eseguendo eccezionalmente bene, aiutandola ad andare più veloce ed essere più aggressiva su quello che fa e come lo fa”. Garrard ha finanziato diverse di fintech nel corso degli anni, tra cui Green Dot, Greenlight, Greenwood, KOHO e Ando. A suo avviso, Welcome Tech è il “vincitore di categoria”…

“Vediamo che Welcome Tech viene utilizzata come una Super App per questo gruppo demografico, poiché siamo davvero ben oltre i prodotti finanziari per questa base di clienti”, ha confessato, promuovendo anche la capacità dell’azienda di avviare con successo un modello di abbonamento con utenti “altamente coinvolti”, qualcosa che è sfuggito alla maggior parte delle banche e delle istituzioni finanziarie tradizionali. “In un certo senso, è come una vera e propria community, in cui una persona può essere un membro e può aggregare tutti i prodotti di cui ha bisogno per la sua vita in questo paese da immigrato, proponendoli con un forte sconto”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.