Sussidiarietà orizzontale: perché è importante indagarne il significato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:06

A partire dall’inizio del secolo scorso, l’impostazione originale, la relazione tra lo Stato-apparato e lo Stato-comunità, su cui si fonda l’ordinamento statale, comincia a vacillare. Il decadimento della tradizionale struttura dello Stato inizia con la crisi dello Stato, teorizzata prima da Santi Romano, per quanto concerne la frantumazione dello Stato liberale, e dopo da Sabino Cassese, in merito alla perdita di sovranità verso l’esterno. L’accentuazione del fenomeno dello sgretolamento, un po’ alla volta, dello Stato ha, di certo, un legame diretto con le cause e le conseguenze della crisi del Welfare State. Sempre più, lo Stato mostra le proprie debolezze, ed in particolare è il rapporto, all’interno dell’ordinamento giuridico, tra l’apparato statale e la comunità che viene messo in discussione. L’architettura statale subisce, pertanto, un profondo cambiamento secondo un percorso lungo e complesso, accelerato dalla previsione, nelle Costituzioni democratiche, del moderno principio della sussidiarietà orizzontale.

Per comprendere la portata dell’impatto della sussidiarietà orizzontale in una contemporanea democrazia, è necessario indagarne il significato. Il contenuto della sussidiarietà orizzontale, pertanto, risulta indispensabile partendo da una ricostruzione storica e filosofica, al fine di analizzare come il principio di sussidiarietà orizzontale trova applicazione nell’ordinamento italiano, in base al nuovo art. 118, co. 4, Cost.

Il principio di sussidiarietà costituisce il fulcro della riforma del Titolo V Cost., accentuando il valore dei cittadini e delle entità intermedie, e superando la dicotomia pubblico-privato, allo scopo di realizzare attività di interesse generale attraverso atti di autonomia negoziale. Il senso più antico della sussidiarietà parte dal pensiero liberale e della dottrina sociale della Chiesa, per proseguire lungo l’evoluzione delle moderne democrazie, e si sostanzia in un generale criterio di riparto dei compiti amministrativi in base al quale l’intervento pubblico istituzionale assume carattere sussidiario rispetto all’iniziativa privata, nel senso che il pubblico si giustifica in quanto i privati cittadini e le loro associazioni non siano in grado di soddisfare efficacemente interessi ed esigenze di ordine generale.

La Costituzione riconosce e valorizza l’autonoma iniziativa dei cittadini e delle loro formazioni sociali nell’esercizio di attività di interesse generale, in applicazione del principio di sussidiarietà. Pertanto, la dimensione orizzontale della sussidiarietà non è, come spesso viene considerata, solo l’estrema propaggine del principio di sussidiarietà verticale, in una logica top-down, in quanto ne è il significato originale. Il nuovo principio di sussidiarietà orizzontale pone al centro dell’ordinamento costituzionale l’autonoma iniziativa, divenendo un elemento di riferimento per l’allocazione delle funzioni che devono essere assegnate ai livelli territoriali che meglio possono favorire l’espandersi del ruolo dei cittadini.

L’essenza della sussidiarietà, contestualizzata nello Stato moderno, suscita importanti interrogativi. Come si può conciliare, o meglio armonizzare, l’esigenza legittima di autonomia con la necessità dell’autorità, o delle autorità? E siccome non si intende sacrificare né la libertà d’autonomia, né il bene comune o meglio l’interesse generale, come metterli al servizio l’uno dell’altro? Perché esiste un’autorità? Qual è il suo compito e quale ruolo deve avere?

Nello Stato moderno, il diritto svolge il ruolo di vincolare la società. Nel rapporto tra Stato-apparato e Stato-comunità, la prospettiva è che la società si svincoli dal diritto, nel senso che lo Stato-comunità, la comunità, partecipi allo Stato-apparato in virtù della valorizzazione della dimensione orizzontale, non gerarchica e solo autoritaria, dei rapporti tra governati e governanti. Lo Stato-comunità è sì l’insieme dei soggetti della comunità statale, intesa come realtà sociale caratterizzata dalla varietà e dalla contrapposizione dialettica, cui sono riconosciuti ambiti diversi, ma sempre maggiori, di autonomia e di gestione partecipata della cosa pubblica con lo Stato-apparato.

Il rapporto tra lo Stato e la Comunità di riferimento è in trasformazione. La sussidiarietà orizzontale, in tale contesto, non ha semplicemente un contenuto di mera subordinazione del pubblico al privato, ma comporta meccanismi di collaborazione tra il pubblico e il privato.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.