Quando i giochi delle app non sono sempre innocenti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:06

Una nuova app chiamata Push It si trova in cima alla classifica dell’App Store e sembra permettere di inviare solo “notifiche push ai tuoi amici”. L’app presenta solo due schermate: una con un grande pulsante rosso e un’altra schermata con sfondo bianco e nero con il testo che dice “invio”. Cosa sta succedendo, quindi? E come è diventata, questa app, la n. 1 in cinque paesi, quando molte persone che la installano non possono nemmeno usarla?

A quanto pare, Push It è l’ultima novità dei creatori dell’app usata nella piattaforma Snapchat, parliamo di Sendit, che presenta giochi in realtà avanzata e domande e risposte anonime. Per capire in cosa consiste Push, bisogna prima capire l’app originale dell’azienda, Sendit. Popolare nella fascia demografica più giovane, Sendit sta guadagnando costantemente terreno con gli utenti Snapchat che utilizzano l’app per giocare e conversare con i loro amici Snapchat. Ad oggi, Sendit è stato scaricato quasi 9 milioni di volte in tutto il mondo e ha generato quasi 3 milioni di dollari di spesa per i consumatori.
L’app ha recentemente guadagnato milioni di nuove installazioni in seguito alle sospensioni da parte di Snap delle principali rivali di Sendit, YOLO e LMK, che sono state al centro di una causa intentata da una madre il cui figlio è morto suicida dopo essere stato vittima di bullismo anonimo da parte degli utenti di quelle app. Finora Sendit è sfuggito a un destino simile nonostante offrisse funzionalità anonime proprie. Come, ad esempio, il suo gioco “chiedimi qualsiasi cosa” che spinge gli amici di un utente di Snapchat a fare domande in totale anonimità.

Alcune delle recensioni negative di Sendit menzionano anche il bullismo, ma Snap deve ancora agire. Quando è stato chiesto chiesto a Snap di dettagliare la sua politica sulle app anonime rivolte ai minori, l’azienda ha risposto che sta rivedendo il suo ecosistema e le sue politiche di app, in seguito all’assunzione del suo primo responsabile globale della sicurezza della piattaforma.

Scrive un utente in una recensione dell’App Store: “Questa app ti invia in modo casuale domande false/automatiche. Ad esempio, io e tutti i miei amici abbiamo circa 20 anni e più e abbiamo tutti ricevuto la stessa domanda su “hai problemi di fiducia?”, “chi è la persona migliore da cui copiare i compiti?”. Il fondatore di Sendit, Hunter Rice, nega che i bot siano coinvolti. Ha anche respinto l’idea che l’adozione di Sendit da parte degli adolescenti sia guidata dall’anonimato. “I nostri utenti gravitano su Sendit per le sue fantastiche esperienze di realtà aumentata “, spiega Rice. “La nostra missione, e ciò che stiamo cercando di fare, è trovare nuovi modi per ridurre l’attrito delle conversazioni stimolanti con gli amici. Abbiamo scoperto questo formato davvero coinvolgente attraverso alcuni giochi in realtà aumentata. Questa è davvero la magia dietro Sendit e il motivo per cui ha avuto così tanto successo”, afferma.

Oggi Sendit offre giochi come “Non ho mai”, “Obbligo o verità” e altri che piacciono a un pubblico giovane. Consente inoltre agli utenti di porre domande come “Con chi mi vedreste insieme?” o “Per chi hai una cotta” e “Test di compatibilità“, che riflettono il tipo di cose di cui un adolescente vorrebbe parlare tra amici. Allo stesso modo, Rice afferma che la nuova app Push it del suo team vuole anche creare nuovi modi per incoraggiare le conversazioni. “Con Sendit, abbiamo trovato questo fantastico formato all’interno di queste interazioni e sta andando alla grande. Quindi, volevamo replicare la stessa meccanica utilizzando un formato diverso”, afferma Rice.

Grazie alla sua grafica minimalista, la nuova app offre un modello base di follower/following e consente agli utenti di inviare una notifica push a tutti coloro che si iscrivono a te sull’app. Questi follower possono quindi rispondere a quella notifica per avviare una conversazione a due, simile a Sendit. Questo applicativo potrebbe essere, perciò, adottato da gruppi di amici o addirittura utilizzato da creatori o brand, ritiene l’azienda.

Per funzionare, Push it richiede l’accesso completo al database dei contatti dell’iPhone. Offre anche strumenti per invitare amici tramite messaggi di testo. Mette un pulsante “OK” accanto al nome di un amico che, per entrare tra i contratti, avrà bisogno di un invito. In un periodo, poi, in cui la privacy viene sempre più tutelata, i meccanismi di crescita basati su SMS sembrano essere quelli meno preferiti. Soprattutto ultimamente, visto che lo spamming è diventato la norma. Fortunatamente, tuttavia, Push it non invia automaticamente messaggi ai propri contatti. (Tuttavia, la politica sulla privacy dell’app non fa molto per sollevare timori su ciò che sta facendo con i propri dati personali. È chiaro che i dati verranno utilizzati per scopi di marketing e condivisi con i fornitori e i partner commerciali di Push it, afferma la policy). L’app, inoltre, sollecita sfacciatamente anche recensioni a 5 stelle. Quando tocchi l’icona a forma di stella, viene visualizzata una finestra pop-up che ti promette un “messaggio speciale” se valuti l’app con 5 stelle su App Store.

Push it iOS è stata pubblicata sull’App Store alla fine di ottobre, in precedenza con il nome “Project Red” ed è già diventata virale in cinque paesi a partire da oggi. È il numero 1 negli Stati Uniti, in Canada, alle Bermuda, in Irlanda e in Norvegia, afferma l’azienda. È anche tra i primi 10 in Gran Bretagna, Paesi Bassi, Australia, Finlandia e Nuova Zelanda. Vederlo già al n. 1 dei download incute una strana sensazione… Questo, in genere, indica che si è fatto molto affidamento sul marketing pre-lancio o sugli hack di crescita, come è ormai comune. Ma la Rice afferma che non è così. “Tutta l’eccitazione intorno a Push it è stata del tutto organica”, afferma, pur ammettendo che l’azienda ha utilizzato i social media per promuovere il lancio dell’app. Attualmente, l’account Instagram Push It ha già circa 32.000 follower, ad esempio.

La cosa strana dello stato n. 1 dell’app è che l’app è sostanzialmente non funzionante: è possibile usare l’app per registrare il proprio nome utente e… beh, questo è tutto. Rice afferma che la strategia di implementazione scaglionata aveva lo scopo di garantire che Push potesse gestire il traffico, ma sembra aver confuso un certo numero di utenti. “Stiamo solo assicurandoci di poterlo implementare in modo agevole in modo che i nostri utenti possano ottenere la migliore esperienza possibile. Vogliamo assicurarci che tutti vi abbiano accesso, e questo arriverà molto presto. Ma sì, vogliamo anche assicurarci che i nostri server rimangano in vita”, afferma Rice.

Push it e Sendit sono creati da un piccolo team di dieci persone presso Fullsenders, con sede principalmente a Santa Monica. La società ha un importo non dichiarato di finanziamento. Il test per Push it ora è se può sostenere o meno un posizionamento così alto nell’App Store, cosa che si è dimostrata difficile per altre app social di nuova generazione. Ci potrebbe essere anche la possibilità di un problema legato all’imminente giro di vite normativo relativo alla presenza nei social di minori e adolescenti. Se Push it guadagna terreno, potrebbe dover ripensare alla sua politica sulla privacy e ai futuri modelli di entrate. Per il momento, tuttavia, Push it non fa soldi. “In questo momento, siamo davvero concentrati sulla creazione di una community straordinaria e sulla creazione di fantastiche funzionalità con cui gli utenti vogliono interagire”, afferma Rice. “E se siamo in grado di fornire valore nel prodotto stesso, saremo in grado di elaborare un modello di business che funzioni meglio per l’azienda”. Ai posteri l’ardua sentenza…

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.