Qualcuno intervenga

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:12

Tanto tuonò che piovve! Ecco che la Procura di Milano ha iniziato ad indagare sul mercato dei servizi per telefoni cellulari. L’ipotesi riguarderebbe truffe ai danni di utenti, ai quali verrebbero attivati servizi a pagamento mai richiesti.

In effetti capita un po’ a tutti ormai da tempo di trovarsi in bolletta cifre non previste dalle proposte propagandate dalle società. Può accadere, ed accade che ti arriva una proposta mai condivisa, e tuttavia ti trovi poi nella bolletta un servizio mai attivato. Ad esempio può riguardare un oroscopo, un servizio di previsione del tempo, musica in streaming, oppure dei servizi aggiuntivi per telefonate all’estero mai fatte, ma considerate per il solo fatto che ti sei recato fuori Italia e sei stato raggiunto da proposte vantaggiose  a mezzo sms per servizi di telefonia mai erogati come è successo anche a me.

In teoria, quando ti accorgi che qualcosa non va, puoi anche chiamare il call center dedicato, ma oramai ti trovi solo un risponditore automatico che ti da solo risposte vaghe e mai risolutive. Non si può che sperare che si faccia luce su questa spiacevole situazione che ci spinge verso realtà incivili e lesive della dignità dei cittadini consumatori. Dispiace che tocchi alla magistratura intervenire, nonostante le tantissime autorità pubbliche che dovrebbero sorvegliare e reprimere situazioni di piccola ma diffusissima forzatura delle regole del buon senso e della protezione del consumo.

In verità lo si dovrebbe fare ancor prima di quando si confezionano le leggi i regolamenti, le concessioni, che stante a quello che accade ripetitivamente, fanno acqua da tutte le parti compresi gli istituti di garanzia che dovrebbero tutelare il buon funzionamento del mercato. Comunque non si può che sperare che si faccia al più presto chiarezza.

Il mercato delle utenze sta progressivamente diventando una jungla, con pubblicità ingannevoli e con call center che chiamano a ripetizione durante la giornata per offrire servizi; come può accadere che la stessa società offre contratti nuovi a minori costi di altri contratti in essere che rimangono più onerosi. Qualcuno intervenga.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com