L’industria legale è pronta per il digitale?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:03

È noto da tempo che il settore normativo/legale non sfrutti la tecnologia così rapidamente come altri settori. Di conseguenza, ci sono un certo numero di startup legali desiderose non solo di aiutare gli avvocati, ma anche di automatizzare alcuni dei processi da sempre impantanati da carta e penna. Vedremo come si sono attrezzate due società che di recente si sono assicurate finanziamenti, Justpoint e New Era ADR.

Justpoint

Victor Bornstein, fondatore e CEO di Justpoint, ha dichiarato che la sua azienda sta sfruttando l’intelligenza artificiale per creare efficienze sia per i potenziali querelanti che per gli avvocati, inizialmente focalizzandosi nell’universo delle lesioni personali. Attualmente collabora con oltre 1.000 studi legali. Gli avvocati specializzati in lesioni personali fanno molto affidamento sugli annunci e sui numeri verdi, sono quindi più facili da reperire. Ma Justpoint ritiene che l’utilizzo e l’elaborazione dei dati sia uno strumento migliore per farsi conoscere. Ecco perché: la società con sede a Boulder, in Colorado, ha raccolto oltre 300.000 reclami fatti negli ultimi anni e utilizza modelli di estrazione dei dati per fornire un punteggio agli studi legali e stipulare una “classifica di bravura” in base alla propensione di uno studio a vincere casi riguardanti aggressioni sessuali, negligenza medica e lesioni personali.

Questo è parte del business, l’altra attività è quella di fornire agli studi interessati informazioni sul fatto che valga la pena dedicare tempo in base ad un determinato reclamo, alla possibilità o meno dell’intervento di testimoni e alla percentuale di successo prevista, comparata con un preventivo di spesa. Justpoint porta anche competenze mediche interne per elaborare i dati e addestrare il modello. “Gli avvocati hanno un incentivo”, ha detto Bornstein. “Abbiamo esaminato e stiamo continuamente studiando come rendere i reclami più efficienti, in modo che gli avvocati possano portare un reclamo fino alla fine invece che mediare”. La società ha recentemente raccolto 6,9 milioni di dollari con una serie di finanziamenti pubblici e privati co-guidata da Divergent Capital e Charge Ventures. Ulteriori investimenti sono venuti da Crossbeam Venture Partners, Honeystone Ventures, Interplay.vc, Weekend Fund, il co-fondatore di Turing Vijay Krishnan, il co-fondatore di Mainstreet Jackson Moses e il fondatore di Stonks Ali Moiz. Porta l’importo totale raccolto a 7,9 milioni di dollari. Justpoint guadagna solo quando e se l’avvocato vince la causa. Un punto, questo, che secondo Bornstein rappresenta il vero incentivo dell’azienda verso tutti quegli avvocati che vogliono iniziare una causa.

“Ciò richiede molto lavoro su di noi per convalidare le denunce”, ha aggiunto. “Ecco anche il motivo per cui stiamo assistendo a un aumento della tecnologia legale. Molte aziende non sono interessate all’uso della tecnologia, ma questo ci permette di fare il lavoro per loro. Il modo in cui lo vediamo è che tra 10 anni, il mondo tecnologico legale fiorirà in un modo che non abbiamo mai visto”.

Nuova Era ADR

Per quanto riguarda la risoluzione delle controversie, New Era ADR, lanciata nel 2021, vuole presidiare il settore delle controversie e della risoluzione delle controversie, che vale oltre 250 miliardi di dollari. Il co-fondatore Rich Lee ha spiegato che le controversie legali spesso richiedono dai 18 ai 24 mesi e centinaia di migliaia di dollari per essere risolte. New Era sta costruendo uno strumento digitale e virtuale che riduce fino al 90% i tempi e i costi di risoluzione delle controversie, mettendo in evidenza i rischi in modo che lo studio legale possa ridurre la possibilità di controversie non necessarie. “Stiamo abbassando la temperatura, riducendo l’acrimonia e costruendo la legge sulla narrazione, riscrivendo nuovi sistemi giudiziari e di arbitrato in ambito digitale”, ha aggiunto Lee.
New Era vuole gestire ogni processo: dall’assunzione ai pagamenti, dalla pianificazione del caso alla facilitazione degli incontri virtuali con gli arbitri in modo che i clienti possano ottenere risoluzioni vincolanti in appena 60 giorni. La società con sede a Chicago ha recentemente raccolto 4,6 milioni di dollari in finanziamenti iniziali guidati da Nextview Ventures, con la partecipazione di Jump Capital. Anche gli investitori originali della società, Motivate Ventures e Alumni Ventures, hanno partecipato a questo round insieme a un gruppo di investitori individuali, tra cui David Kalt, Sean Chou, Pete Kadens e Lon Chow. Quest’ultimo round fornisce a New Era un finanziamento totale di $ 6,3 milioni.
New Era addebita una tariffa fissa per caso e in meno di un anno è stata scelta come piattaforma di risoluzione delle controversie in oltre 50 milioni di contratti. Finora, nel 2022, l’azienda ha già superato le entrate del 2021. Lee ha detto che l’obiettivo è triplicarlo nel prossimo anno.

Ma Justpoint e New Era non sono le uniche realtà pronte a portare l’industria legale nell’era digitale. All’inizio di questo mese, Zero Systems ha raccolto 12 milioni di dollari per il suo software che automatizza gran parte del flusso di lavoro manuale che gli studi legali gestiscono ogni giorno. A febbraio, Ex Parte, una startup che utilizza l’Intelligenza Artificiale per prevedere gli esiti del contenzioso, ha raccolto 7,5 milioni di dollari. Inoltre, la piattaforma contrattuale Common Paper si è assicurata un finanziamento iniziale di 4,5 milioni di dollari. “Da un po’ di tempo c’è un crescente entusiasmo per la tecnologia legale”, ha dichiarato Zack Hutto, direttore della consulenza all’interno della pratica legale e di conformità di Gartner. “La spesa per il diritto societario è aumentata del 50% e prevediamo che i budget aumenteranno di tre volte entro il 2025. Gli uffici legali aziendali stanno spendendo milioni di dollari, ma non utilizzano la tecnologia quanto ci si potrebbe aspettare. La professione legale era più isolata dalla tecnologia e dalla trasformazione digitale, quindi la tendenza delle startup in arrivo era destinata a verificarsi, anche se c’è ancora un certo scetticismo su quanto saranno trasformativi questi strumenti“, ha aggiunto Hutto.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.