La corretta alimentazione da seguire in estate

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:06

Il caldo afoso sta attanagliando l’Italia e in questo momento è molto importante seguire un’alimentazione adeguata. Più è caldo, più si suda, più ci si disidrata. Noi abbiamo l’obbligo di reidratarci. Se durante l’autunno, siamo portati a bere circa due litri di acqua, quando ci sono temperature molto elevate, abbiamo bisogno di aumentare l’acqua che introduciamo nel nostro corpo: parliamo di circa tre litri di acqua al giorno, considerando che dobbiamo mangiare anche dei cibi ricchi di acqua. Sono i vegetali, soprattutto le verdure bianche e verdi, i frutti come l’anguria. Questo “gioco” ci porta ad avere una maggiore idratazione perché, mentre mangiamo, introduciamo anche acqua nel nostro corpo.

Le carni sono importanti per le proteine che contengono che si associano ai grassi. Le proteine sono come il cemento armato per un palazzo: non contribuiscono alla bellezza, ma alla solidità. Le proteine della carne rossa o bianca, ma anche quelle del pesce, sono uguali, cambia il tipo di grassi. Dobbiamo alternarle, ma dobbiamo tenere presente che è molto importante la tecnica di cucina: se le cuociamo al vapore o velocemente, la differenza sarà minima. Diverso se le carne la cuociamo alla griglia: il grasso della carne rossa, sciogliendosi, apporteranno maggiori quantità di sostanze aterogeniche.

Non dimentichiamo i carboidrati: prima avevamo una loro visione direi paradisiaca, ora invece li consideriamo come “infernali”. Abbiamo bisogno di mangiare carboidrati perché il nostro cervello ha bisogno di zuccheri. Gli zuccheri si dividono in semplici e complessi, questi ultimi sono quelli della pasta del pane. La loro caratteristica è quella di apportare energia al cervello e agli altri organi, ma fanno produrre poco alla volta l’insulina. Gli zuccheri semplici sono più veloci. Nel momento in cui noi abbiamo una deupaperazione più grave abbiamo bisogno di assumere zuccheri semplici, se invece viviamo la giornata normalmente sarebbe opportuno ingerire più carboidrati complessi, senza eliminare quelli semplici. Così manteniamo anche il buon umore. Molte persone si sono date alla dieta chetogenica e iperproteica, pensando che i carboidrati siano veleno. In realtà, sono un veleno gli eccessi di proteine e di grassi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.