Emoji nei messaggi: perché sono un problema per chi usa screen reader

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:16

Se avete utilizzato Twitter ultimamente, probabilmente avrete notato il meme della bandiera rossa che sta circolando: citi una “conversation deal-breaker”, ovvero un’affermazione in una conversazione che potrebbe risultare incompatibile con il nostro modo di vedere le cose in base a credenze o semplici gusti personali, e poi aggiungi un mucchio di emoji bandiera rossa.

Il problema è che per le persone cieche e ipovedenti che utilizzano lettori di schermo e tecnologia voiceover, il meme della bandiera rossa non ha senso o, addirittura, è solamente un problema. “Ogni volta che vedevo uscire quel meme, il mio lettore di schermo e diceva ‘bandiera triangolare su un post'”, ha detto Steve Saylor, un giocatore di Blind Twitch e sostenitore dell’accessibilità. “Tecnicamente è la lettura effettiva dell’emoji, ma si rischia di non capire il vero senso del meme”. La voce fuori campo di un iPhone, ad esempio, avviserà la quantità di “bandiera triangolare sul post”, invece di leggerli uno per uno, ma alcuni lettori dello schermo per persone non vedenti leggeranno ogni singola emoji, il che significa che si sentirà “bandiera triangolare sul post” più e più volte.

“I meme sono piuttosto importanti nella comunicazione, soprattutto in termini di inclusione nelle conversazioni“, ha affermato Amy Pavel, Assistant Professor presso l’Università del Texas ad Austin che studia l’accessibilità tecnologica. “Quindi è importante capirne il significato per partecipare pienamente alla conversazione”.

La Tej Kohli Foundation, un’organizzazione no-profit con sede in India che si occupa della cecità nelle comunità povere e sottoservite, ha analizzato 100.000 tweet per saperne di più su come vengono utilizzati gli emoji online. Dal suo set di dati, il 10% dei tweet con emoji contiene più di tre emoji e il 40% dei tweet con emoji ripete quegli emoji. In particolare, l’emoji “faccina con lacrime di gioia” viene ripetuta il 93% delle volte in cui viene utilizzata. La fondazione raccomanda che le persone che mettono emoji alla fine delle frasi, non usino mai emoji per sostituire le parole (cioè dicendo “c’è molto ☀️ oggi” invece di “c’è molto sole oggi”) e non usano più di tre emoji in ripetizione.

Il meme della bandiera rossa ha suscitato numerose discussioni sull’accessibilità dei meme le settimane scorse, ma questa non è la prima volta che un meme ha fatto il giro dei social media, rappresentando un problema per le persone che usano gli screen reader. “Il meme che applaude può essere davvero noioso da leggere. Devi ascoltare “mani che battono le mani” dopo ogni parola, quindi può essere difficile ricordare esattamente la frase completa”, ha detto Pavel. Ha anche fatto riferimento a una tendenza per la quale le persone usano caratteri non comuni per simulare la scrittura con un font diverso, nonché meme realizzati con l’arte ASCII. “Sembrano completamente senza senso, dovendo far leggere al computer o al telefono ogni singolo carattere, considerando che alcuni di questi possono essere anche caratteri cirillici, caratteri greci o kanji”.

Pavel spera che ricercatori e sviluppatori utilizzino l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico per migliorare la comunicazione digitale. Piuttosto che dire “emoji che battono le mani” tra ogni parola, ad esempio, lo screen reader potrebbe leggere preventivamente la frase, quindi notare e avvisare che c’è un’emoji che applaude tra ogni parola. Ma questa tecnologia dovrà percorrere molta strada e quindi, nel frattempo, gli esperti di accessibilità stanno lavorando per educare le persone su come rendere i loro meme più accessibili.

Nel caso di meme basati su emoji e meme artistici ASCII, infatti, una soluzione alternativa potrebbe consistere nello screenshot del meme, nella sua pubblicazione come foto e nell’inserimento di un testo alternativo per descrivere la foto. Su Twitter, l’aggiunta di testo alternativo è relativamente semplice: dopo aver caricato un’immagine, puoi fare clic su un pulsante “aggiungi descrizione” sotto l’immagine per aggiungere testo alternativo prima di inviare il Tweet. Ma su Instagram, ad esempio, prima di pubblicare un’immagine bisogna scorrere verso il basso per fare clic su un piccolo pulsante “impostazioni avanzate”. Quindi, scendere fino alla voce “accessibilità”, dove sarà possibile selezionare “scrivi testo alternativo” per aggiungere una descrizione dell’immagine.

“Penso che non ci sia abbastanza conoscenza e istruzione, là fuori, per i marketer digitali e i comunicatori professionisti. Porte del problema è che semplicemente non conosciamo l’accessibilità”, ha affermato Alexa Heinrich, social media manager e sostenitrice dell’accessibilità. “Quando i marketer, i creatori di contenuti e gli utenti di tutti i giorni creano contenuti, sarebbe utile che si prendessero un secondo per ricordare che non tutti sperimentano Internet allo stesso modo”. Heinrich e Saylor hanno detto di aver scoperto che Twitter è una dei social media più accessibili, ma il livello non è abbastanza alto. La scorsa estate, Twitter ha sperimentato una funzione di tweet audio, ma le clip non avevano didascalie, rendendo i tweet inaccessibili agli utenti non udenti e con problemi di udito. Quando le persone disabili hanno sottolineato questo problema e questa funzione inaccessibile, è stato rivelato che Twitter non aveva un team dedicato all’accessibilità. Piuttosto, i loro sforzi per l’accessibilità sono sempre stati coordinati su base volontaria da dipendenti a tempo pieno con molte altre responsabilità. Da allora, Twitter ha creato un team di accessibilità. “Twitter è sicuramente la piattaforma che si impegna di più ed è più trasparente sui suoi sforzi con l’accessibilità e la piattaforma. Sono aperti al feedback, il che è davvero fantastico”, ha affermato Heinrich. Tuttavia, da allora Twitter ha rilasciato importanti aggiornamenti che, a volte, hanno ostacolato l’accessibilità.

“Le piattaforme stesse devono fare un lavoro migliore nell’educare le aziende e gli esperti di marketing con cui collaborano su come creare contenuti accessibili”, ha aggiunto. Ma l’accessibilità non è uguale per tutti e non tutte le disabilità sono uguali. Anche le persone con la stessa disabilità avranno preferenze diverse su come vogliono vivere Internet. “Penso che nessun altro, al di là di un utente con disabilità, sappia meglio cosa preferirebbe, soprattutto per l’accessibilità, perché la disabilità è un’esperienza davvero individuale“, ha affermato Pavel.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.