Lo sviluppo dell’economia digitale nel sud-est asiatico

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:06

Il sud-est asiatico è diventato un mercato attraente per le aziende tecnologiche statunitensi e cinesi. Il livello di utilizzo di Internet qui è del 70%, superiore alla media globale, e l’adozione del digitale nella regione è di poco tempo fa: è stato solo con la pandemia che è decollata l’adozione di servizi digitali come i portafogli elettronici e lo shopping online.

I giganti tecnologici cinesi Tencent e Alibaba sono stati tra i primi a supportare la crescita iniziale dell’e-commerce nel sud-est asiatico con investimenti in aziende come Sea Limited e Lazada, e da allora hanno ampliato la loro presenza in altri “settori verticali” di Internet. Alibaba ha sostenuto Akulaku, M-Pay (eMonkey), DANA, Wave Money e Mynt (GCash), mentre Tencent ha investito in Voyager Innovations (PayMaya), SHAREit, iflix, Ookbee e Sanook.

Anche diverse aziende tecnologiche statunitensi sono recentemente entrate in scena. Nel giugno 2020, Gojek ha chiuso un round di finanziamenti di Serie F da $ 3 miliardi da Google, Facebook, Tencent e Visa. Google, insieme a Temasek Holdings di Singapore, ha investito circa 350 milioni di dollari in Tokopedia a ottobre. Nel frattempo, Microsoft ha investito una somma non divulgata nel 2018 e ha investito $ 100 milioni nella società di e-commerce indonesiana Bukalapak.

Nel primo trimestre del 2021, le startup del sud-est asiatico hanno raccolto 6 miliardi di dollari, secondo DealStreetAsia, definendo il 2021 come un altro anno record per gli investimenti nella regione. La regione sta anche guadagnando importanza per destinazione dei capitali di investimento rispetto al resto dell’Asia egli investimenti regionali in venture capital sono cresciuti di 5,2 volte a $ 8,2 miliardi nel 2020 da $ 1,6 miliardi nel 2015.

Il sud-est asiatico ha anche molte opportunità di investimento in venture capital rispetto alle sue dimensioni di mercato. Dal 2015 al 2020, la Cina ha visto investimenti in capitale di rischio di quasi $ 300 a persona; per il sud-est asiatico, nonostante un recente boom di investimenti, la media degli anni precedenti si attesta a soli $ 47,50 a persona, o solo un sesto di quella in Cina. Ciò implica una sostanziale opportunità di investimento per sviluppare l’economia digitale della regione.

L’aumento della popolazione e le prospettive di crescita della regione sono maggiori anche a causa delle sfide di crescita della popolazione cinese, insieme alla maggiore saturazione e maturità del mercato dell’economia digitale di quest’ultima.
Il sud-est asiatico è diventato un punto di riferimento per i “family office”, società di servizi che gestiscono il patrimonio di una o più famiglie facoltose agendo come centro di coordinamento per la gestione finanziaria e amministrativa delle famiglie, molti dei quali stabiliscono una presenza locale a Singapore. Secondo la Monetary Authority of Singapore (MAS), a Singapore dal 2020 sono stati registrati oltre 229 family office, con un patrimonio totale in gestione stimato di 20 miliardi di dollari.

Il family office del co-fondatore di Microsoft Paul Allen, Vulcan Inc., ha aperto la sua prima filiale internazionale a Singapore nel 2019, mentre il family office del co-fondatore di Google Sergey Brin, gestito tramite Bayshore Global Management, ha istituito un centro anche a Singapore nel 2020. Anche il fondatore di Bridgewater Associates, Ray Dalio, e il fondatore di Dyson, James Dyson, hanno recentemente aperto dei family office a Singapore.

Anche i miliardari dell’Asia orientale si sono uniti alla mischia. Shu Ping, uno dei fondatori di Haidilao, la più grande catena di ristoranti hotpot cinesi al mondo, ha aperto Sunrise Capital Management a Singapore nel 2019. Nel frattempo, il family office di Joseph Phua, socio amministratore di Turn Capital e co-fondatore dell’app di live streaming taiwanese 17Live, ha acquisito La società Blockchain con sede a Taiwan Dapp Pocket e l’exchange di criptovalute Coinomo nel 2021.
I family office con sede in Asia-Pacifico stanno allocando sempre più capitali di private equity per investimenti in venture e in fase di crescita. Il 77% dei family office in APAC è addirittura coinvolto attivamente in investimenti in fase di crescita, mentre il 66% sta effettuando investimenti in fase di rischio, secondo UBS. Questo rispetto alla media globale del 70% e del 57%, rispettivamente.

E così sud-est asiatico sembra pronto ad aumentare la sua “forza” nell’ecosistema tecnologico globale, grazie al clima geopolitico favorevole e al comprovato potenziale di uscita. Con un’età media di 27 anni, il sud-est asiatico ospita anche una popolazione giovane ed esperta di tecnologia. Una ricerca evidenzia che si stima che la crescita su base annua degli utenti Internet della regione abbia superato l’Asia meridionale, la Cina e gli Stati Uniti.

Anche il sud-est asiatico è in una fase iniziale in termini di sviluppo della sua economia digitale. La sua economia digitale rappresenta solo il 3,7% della sua economia totale e si prevede che raddoppierà di più entro il 2025. Ma anche a questo livello, ciò implicherebbe comunque un notevole spazio per un’ulteriore espansione rispetto alla penetrazione digitale in altri mercati.

Il recente boom delle operazioni di fusioni e acquisizioni e dell’attività di raccolta fondi negli Stati Uniti fa ben sperare per futuri flussi di investimenti anche in società in fase iniziale. Un numero maggiore di investitori si sentirà a proprio agio nell’investire in società in fase di sviluppo iniziale, aprendo percorsi ben chiari per realizzare i propri investimenti tramite acquisizioni o IPO valutate in modo sano.
Sebbene la Cina rimanga l’ecosistema di capitale di rischio più attivo dell’Asia, la sua posizione di leadership potrebbe essere messa in discussione a lungo termine da fattori esterni, come le tensioni geopolitiche con l’Occidente, o ostacoli interni come il freno alle quotazioni estere e la repressione dei servizi Internet.
Fortunatamente, i governi del resto dell’Asia stanno imparando lezioni giuste dalla Cina e non seguono le sue politiche in termini di regolamenti e governance: l’ambiente nel sud-est asiatico è fertile per la crescita, sembrano siano utilizzate politiche favorevoli e incentivi per le aziende tecnologiche, o ambienti di prova per sperimentare e testare nuove tecnologie.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.