Opinione

Ecco come la parola di Dio ha ritrovato la sua centralità nella vita ecclesiale

E’ con il Concilio Vaticano II che la parola di Dio ha ritrovato la sua centralità nella vita ecclesiale. La “Dei verbum”, la costituzione dogmatica sulla divina rivelazione, proclama che con la lettura e lo studio dei sacri libri la parola di Dio compie la sua corsa ed è glorificata. E il tesoro della rivelazione, affidato alla Chiesa, “riempie sempre più il cuore degli uomini”. Come dall’assidua frequenza del mistero eucaristico si accresce la vita della Chiesa, così “è lecito sperare nuovo impulso alla vita spirituale dall’accresciuta venerazione per la parola di Dio, che permane in eterno”.

Lukas Visher, autorevolissimo esponente della Chiesa luterana svizzera, arrivò a dire che, quanto era successo nel periodo conciliare, era paragonabile alla “rottura di una diga”. E’ innegabile il grande e spesso decisivo contributo che i Papi e la Santa Sede hanno dato, in anni così difficili, in difesa della giustizia e della pace nel mondo. Un contributo segnato dalla credibilità, dall’autorevolezza, proprio perché discendeva da un Concilio che aveva riportato la Chiesa tra gli uomini, e l’aveva liberata da secolari compromissioni mondane, ne aveva accentuato l’afflato evangelico. Basti ripensare a com’era la Chiesa cattolica prima del Concilio. Una Chiesa con una struttura quasi monarchica. Fondamentalmente clericale. Dominata, teologicamente e pastoralmente, dall’Europa. La Bibbia ancora tabù per il popolo cristiano. La Messa ancora solo in latino, e con il celebrante che voltava le spalle all’assemblea. Una religiosità ridotta ai precetti, alle regole, a una morale inquisitoria e per niente misericordiosa. Una netta chiusura alle altre Chiese, alle altre religioni. Un atteggiamento ancora improntato all’ostilità, se non alla condanna, nei confronti del mondo, della scienza, della cultura moderna.

Ebbene, dopo il Vaticano II, niente di tutto questo restò come prima. E non perché fosse stata stravolta la Tradizione o messi da parte i dogmi, le leggi; ma perché i padri conciliari avevano saputo leggere il Vangelo e la storia umana con occhi nuovi: un Vangelo naturalmente immutabile, intoccabile, ma da annunciare con un linguaggio adatto agli uomini contemporanei. Come ripeteva sempre Giovanni XXIII: “Non è il Vangelo che cambia, ma siamo noi che cambiamo e quindi siamo in grado di comprendere il Vangelo meglio e più a fondo di prima”.

Nessuno potrà negare che la Chiesa cattolica di oggi non sarebbe la stessa, se non ci fosse stato il Vaticano II. Cambiò l’immagine stessa di Chiesa, che la costituzione dottrinale “Lumen gentium” presentava ora come “sacramento universale di salvezza”. Il popolo di Dio messo prima della gerarchia. L’autorità pontificia affiancata dal collegio episcopale. Ci fu la riforma liturgica. Venne riconosciuto il ruolo attivo dei laici, rivalutata la libertà di coscienza, cancellata la bimillenaria accusa di deicidio al popolo ebraico. E non solo questo, ma dallo “spirito” conciliare scaturiranno poi una lunga serie di novità. Come, per dirne una, l’esplosione dei nuovi movimenti laicali, e che, per certi aspetti, ricordava la sconvolgente apparizione degli ordini religiosi mendicanti, domenicani e francescani, agli inizi del XIII secolo.

Il Concilio Vaticano II rivelò una Chiesa diversa da com’era stata fino ad allora guardata, giudicata. E diversa, specialmente, per come adesso intendeva essere presente sui molteplici fronti dell’umanità: la famiglia, il lavoro, la giustizia, la scienza, la guerra e la pace. Era la nuova Chiesa plasmata dall’altra grande costituzione, la “Gaudium et spes”. Quella che, già nel suo esordio, esprimeva il mutamento radicale operato dalla Chiesa nel suo rapporto con il mondo. “Le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce degli uomini d’oggi, dei poveri soprattutto e di tutti coloro che soffrono, sono pure le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce dei discepoli di Cristo, e nulla vi è di genuinamente umano che non trovi eco nel loro cuore…”. Di fatto, la Chiesa non solo dichiarava di non avere il monopolio assoluto di ciò che è umano, ma riconosceva addirittura di avere qualcosa da apprendere dai progressi dell’umanità. E soltanto più tardi si capì l’importanza fondamentale di questo cambio di rotta. Lo si capì scoprendo che il Vaticano II aveva preparato la Chiesa ad affrontare, pur senza averle potute oggettivamente prevedere, le grandi sfide e le grandi emergenze nel passaggio tra il XX e il XXI secolo. Fu un vertiginoso susseguirsi di sconvolgimenti politici, sociali, culturali, morali.

Dalla crisi dei missili a Cuba, dagli sviluppi della scienza e della tecnica, alla rivoluzione giovanile, all’autodeterminazione dei popoli africani. Dalla globalizzazione, che ha sconvolto tutto, alla metamorfosi antropologica, che ha mutato la concezione stessa dell’esistenza umana. La fine delle ideologie. Muri crollati e altri che venivano alzati. Nuove guerre, un nuovo terrorismo, un nuovo interminabile flusso migratorio. L’attentato alle Torri Gemelle, il conflitto in Iraq, le rivolte nel mondo arabo. Fino alla tragedia planetaria, il coronavirus. E, arrivando ai nostri giorni, l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia di Putin.

Gianfranco Svidercoschi

Recent Posts

Al via la raccolta fondi della Croce Rossa per le popolazioni colpite dal sisma

"Serve l'aiuto di tutti in queste ore drammatiche per soccorrere le popolazioni della Turchia e…

7 Febbraio 2023

Il cordoglio dei Patriarchi Bartolomeo e Kirill per le vittime in Turchia e Siria

Shock e dolore. E’ quanto esprimono al popolo turco e siriano il Patriarca ecumenico di…

7 Febbraio 2023

Istat: “Sempre più anziani, aspettativa di vita in aumento”

Dall'unità d'Italia a oggi la popolazione residente è passata da 26 milioni nel 1861 (ai…

7 Febbraio 2023

Acquisite le prime immagini satellitari: il suolo dell’Anatolia si è spostato di 3 metri

Il suolo dell'Anatolia - regione storico-geografica dell'Asia occidentale compresa nell'odierna Turchia - si è spostato…

7 Febbraio 2023

Safer internet day, AGIA: “Una Rete sicura permette di tutelare i ragazzi”

“Una Rete sicura permette di tutelare i ragazzi e di esercitare diritti preziosi sfruttando appieno…

7 Febbraio 2023

Biden in Polonia per l’anniversario dell’invasione russa in Ucraina

La guerra in Ucraina giunge al 349esimo giorno. Le forze russe hanno ottenuto alcuni successi…

7 Febbraio 2023