Cosa succede se pubblicità ingannevoli mettono a rischio gli automobilisti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:06

Pochi giorni fa, due senatori democratici hanno fatto pressione al nuovo presidente della Federal Trade Commission (FTC) di indagare sulle dichiarazioni di Tesla sulle capacità autonome dei suoi sistemi Autopilot e Full Self-Driving. I senatori, Edward Markey e Richard Blumenthal, hanno espresso particolare preoccupazione per il fatto che Tesla abbia indotto i clienti a pensare che i loro veicoli siano in grado di guidare in modo completamente autonomo.

“Il marketing di Tesla ha ripetutamente sopravvalutato le capacità dei suoi veicoli e queste affermazioni rappresentano sempre più una minaccia per gli automobilisti e gli altri utenti della strada”, hanno affermato. “Di conseguenza, la invitiamo ad aprire un’indagine su pratiche potenzialmente ingannevoli e sleali nella pubblicità e nel marketing di Tesla dei suoi sistemi di automazione della guida e ad adottare adeguate misure di contrasto per garantire la sicurezza di tutti i conducenti sulla strada”.

Nella loro lettera alla nuova presidente della FTC, Lina Khan, i due senatori indicano un video di YouTube del 2019 che Tesla ha pubblicato sul suo canale, che mostra una Tesla che guida autonomamente. Il video, di circa due minuti, si intitola “Full Self-Driving” ed è stato visto più di 18 milioni di volte. “Le loro affermazioni mettono i conducenti di Tesla – e tutto il pubblico in viaggio – a rischio di lesioni gravi o morte”, hanno scritto i senatori.

Quando si tratta di Tesla e di indagini formali, quando piove, diluvia. La lettera è stata pubblicata appena due giorni dopo che la National Highway Transportation Safety Administration (NHTSA) ha dichiarato di aver aperto un’indagine preliminare sugli incidenti che hanno coinvolto Tesla in alcuni schianti contro veicoli di emergenza parcheggiati durante alcune prove. La FTC ha perciò l’autorità di indagare su affermazioni false o fuorvianti da parte di aziende in merito ai loro prodotti.

Questa non è la prima volta che personaggi di spicco hanno invitato la FTC ad aprire un’indagine sulle affermazioni di Tesla. Anche il Center for Auto Safety e il Consumer Watchdog, due gruppi di interesse speciale, hanno inviato una lettera nel 2018 alla commissione per la commercializzazione delle funzionalità del pilota automatico. L’anno successivo, la NHTSA ha esortato la FTC a indagare se le affermazioni fatte dal CEO di Tesla, Elon Musk, sulla sicurezza della Model 3 “costituiscano atti o pratiche sleali o ingannevoli”.

Il pilota automatico è una funzione standard per le auto Tesla e consente ai veicoli di mantenere la distanza dalle auto che precedono. Tesla vende le sue funzioni avanzate di assistente alla guida come il cambio di corsia e il parcheggio automatizzato sotto il nome di guida autonoma completa, Full Self-Driving (FSD,) per $ 10.000, sebbene il sistema non renda i suoi veicoli completamente autonomi. La società sta attualmente testando la versione beta 9 di FSD con poche migliaia di clienti, ma i senatori vogliono prendere di mira anche la versione beta.

“Dopo l’aggiornamento [beta 9], i conducenti hanno pubblicato video online che mostrano i loro veicoli Tesla aggiornati che eseguono manovre impreviste che richiedono l’intervento umano per prevenire un incidente”, scrivono. “Le tiepide precauzioni di Musk nascoste sui social media non sono una scusa per ingannare i conducenti e mettere in pericolo la vita di tutti coloro che sono sulla strada”. Anche due gruppi di difesa dei consumatori statunitensi nel 2018 hanno esortato la FTC a indagare sulla denominazione di Autopilot da parte di Tesla. Un portavoce della FTC ha rifiutato di commentare tutta la questione, dichiarando solamente che al momento non è stata intrapresa alcuna azione pubblica al riguardo. Nel frattempo Tesla ha guadagnato in borsa… Non è un po’ strano?!

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.