Come Instagram modificherà il suo algoritmo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:06

Il capo di Instagram, Adam Mosseri, ha annunciato qualche giorno fa che la società modificherà il suo algoritmo di classificazione per evidenziare maggiormente i contenuti originali sulla sua piattaforma. Dopo l’annuncio, un portavoce del gigante dei social media ha spiegato come Instagram sia apportando modifiche al suo algoritmo di ranking per dare la priorità alla distribuzione dei contenuti originali, piuttosto che ai contenuti ripubblicati, per migliorarne l’originalità e l’accesso alle informazioni in modo sicuro.

“Questo è specificamente incentrato sull’idea di originalità”, ha detto Mosseri in un video condiviso sui suoi canali di social media mercoledì. “Se crei qualcosa da zero, dovresti ottenere più credito rispetto al fatto che tu stia ricondividendo qualcosa già pubblicato da qualcun altro. Faremo di più per cercare di valorizzare maggiormente i contenuti originali, in particolare rispetto ai contenuti ripubblicati”. Instagram ha spiegato che ora sarà meno probabile che la piattaforma raccomandi condivisioni di contenuti che sono già presenti nell’app. La società sarà anche meno propensa a consigliare account che aggregano e ricondividono i contenuti di altri utenti. Instagram osserva che, poiché consiglia più contenuti sull’app, ritiene che sia importante che il credito, la distribuzione, la crescita e la monetizzazione vadano al creatore originale.

In risposta a un tweet del consulente di social media Matt Navarra, Mosseri ha notato che Instagram lavora già per mettere in evidenza i contenuti originali, ma che si sta orientando maggiormente in questa direzione e continuerà a farlo. “Man mano che ci affidiamo maggiormente ai consigli, sta diventando sempre più importante non sopravvalutare gli aggregatori, poiché sarebbe un male per i creatori e quindi un male per Instagram a lungo termine”, ha detto Mosseri in un tweet. Alla domanda su come Instagram possa determinare il creatore originale di un’immagine o di un video, Mosseri ha spiegato in un tweet che l’app “non può saperlo con certezza”. Ha però sottolineato che l’azienda sta creando classificatori per prevedere quanto sia probabile che qualcosa possa essere originale. L’azienda esamina anche caratteristiche particolari, come chi è presente nel video e se l’app ha già notato persone e oggetti all’interno del video.

Instagram è invaso da account di meme popolari che ripubblicano contenuti di altri utenti e spesso ricevono tonnellate di interazioni e milioni di visualizzazioni. La nuova modifica significa che questi account potrebbero non ottenere più la stessa portata che hanno attualmente, poiché la piattaforma lavora invece per amplificare le interazioni con il creatore originale. Oltre all’annuncio sulla priorità dei contenuti originali, Mosseri ha anche accennato a due lanci prossimi: l’etichettatura dei prodotti e l’etichettatura migliorata. All’inizio di questa settimana, Instagram ha annunciato che la codifica dei prodotti, che in precedenza era disponibile solo per creatori e marchi, è ora disponibile per tutti gli utenti statunitensi con account pubblici. Ora, tutti gli utenti statunitensi saranno in grado di taggare i prodotti di attività che sono state configurate per lo shopping su Instagram. L’azienda afferma che l’espansione renderà più facile per le persone scoprire i prodotti dalle persone che seguono e per le aziende far crescere il proprio pubblico sulla piattaforma.

Per quanto riguarda i tag avanzati, Instagram li ha lanciati all’inizio di questo mese. Mirano a rendere più facile per i creatori ricevere crediti per il loro lavoro. Instagram afferma che i tag avanzati consentono agli utenti di condividere e visualizzare il contributo specifico di un creatore a un post di foto o video. La categoria del profilo auto-designata dal creatore che specifica il suo ruolo verrà visualizzata all’interno del tag. Con questi nuovi tag, i creatori potranno taggare altri creativi all’interno dei loro post in modo da dare loro più visibilità per il loro lavoro. Largo alla creatività!

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.