Cavi sottomarini e internet: il progetto “2Africa Pearls” punta in alto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:06

Facebook ha annunciato martedì scorso che il suo “cavo 2Africa” si estenderà per oltre 45.000 chilometri con l’aggiunta di nove diramazioni, soprannominate collettivamente “2Africa Pearls”. Il cavo sottomarino collegherà direttamente tre continenti: Africa, Europa e Asia e diventerà il sistema di cavi sottomarini più lungo mai installato quando sarà terminato. L’estensione vedrà 2Africa diventare il sistema di cavi sottomarini più lungo del mondo una volta completato, ha affermato Facebook. Supererà l’attuale record stabilito dalla linea SEA-ME-WE 3, che si estende per 39.000 km e collega 33 paesi in tutto il sud-est asiatico, il Medio Oriente e l’Europa occidentale.

Il continuo investimento in cavi sottomarini fa parte degli sforzi di Facebook per portare più persone online. Inizialmente, il gigante di Internet si è concentrato sulla fornitura di Internet a prezzi accessibili alla popolazione africana di circa 1,2 miliardi di persone. Il piano si è trasformato con la nascita di un consorzio che ha optato per la posa di 37.000 km (22.990 miglia) di cavi che collegano 23 contee in Africa, Medio Oriente ed Europa. Il mese scorso, Facebook ha aumentato le contee a 26, aggiungendo al mix le Seychelles, le Isole Comore, l’Angola e una parte sud-orientale della Nigeria. Estensioni sono state collegate ai nodi che forniscono le Isole Canarie nel mese di giugno.

Le nuove estensioni di 2Africa Pearls comprendono nuove località collegate via terra attraverso l’Egitto. Collegando, ora, tre continenti, Africa, Europa e Asia via terra proprio attraverso l’Egitto, 2Africa crea una connettività unica aggiungendo nodi di controllo vitali in Oman (Barka), Emirati Arabi Uniti (Abu Dhabi e Kalba), Qatar (Doha), Bahrain (Manama), Kuwait (Kuwait). ), Iraq (Al-Faw), Pakistan (Karachi), India (Mumbai) e un quarto nodo in Arabia Saudita (Al Khobar). “Con l’aggiunta dell’estensione Pearls, il sistema cerca di fornire connettività a ulteriori 1,8 miliardi di persone e 3 miliardi in totale”, ha affermato Facebook. La società ha aggiunto che queste persone sono presenti in 33 paesi e rappresentano il 36% della popolazione mondiale.

Il consorzio 2Africa comprende, al momento, China Mobile International, Facebook, MTN GlobalConnect, Orange, STC, Telecom Egypt, Vodafone e WIOCC. Come per la precedente estensione conclusa il mese scorso, il consorzio ha incaricato Alcatel Submarine Networks (ASN) di Nokia per implementare le nove filiali. Non ci sono informazioni, da parte del consorzio, sulla data per la finalizzazione della costruzione del cavo sottomarino ma, a giudicare dagli annunci precedenti, dovremmo comunque aspettarci che Facebook e il gruppo di telecomunicazioni possano terminare i lavori tra la fine del 2023 e l’inizio del 2024.

Per supportare ulteriormente una fiorente economia digitale globale, il sistema ampliato servirà una gamma ancora più ampia di comunità che si affidano a Internet per servizi dall’istruzione all’assistenza sanitaria e alle imprese, fornendo vantaggi economici e sociali derivanti da una maggiore connettività. Come annunciato a maggio 2020, 2Africa avrebbe dovuto portare direttamente una connettività internazionale senza soluzione di continuità a 1,2 miliardi di persone. Oggi, con 2Africa PEARLS, 2Africa fornirà connettività internazionale ad altri 1,8 miliardi di persone, ovvero 3 miliardi di persone, che rappresentano il 36% della popolazione globale.

Nell’annuncio di Facebook, Kevin Salvadori, vicepresidente dell’infrastruttura di rete dell’azienda, ha affermato che l’intera struttura servirà più persone di quanto inizialmente previsto dal consorzio. Mentre il progetto originale 2Africa aveva lo scopo di fornire connettività a 1,2 miliardi di persone, l’aggiunta di Pearls consentirebbe al cavo di servire un totale di 3 miliardi di persone e scrive: “Gli ultimi 18 mesi hanno evidenziato l’importanza della connettività poiché miliardi di persone in tutto il mondo si affidano a Internet per lavorare, frequentare la scuola e rimanere in contatto con le persone a cui tengono. Continuiamo a investire in cavi sottomarini in Africa e oltre, poiché le comunità e le imprese prosperano quando Internet è ampiamente accessibile“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.