Il cammino di Meta verso l’intelligenza artificiale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:06

Meta, precedentemente noto come Facebook, ha mostrato a tutti, in questi giorni, di voler diventare un prototipo di un sistema di intelligenza artificiale che consente alle persone di generare o importare cose in un mondo virtuale, semplicemente usando i comandi vocali. L’azienda vede lo strumento, chiamato “Builder Bot”, come un “concetto esplorativo” che mostra il potenziale dell’intelligenza artificiale per la creazione di nuovi mondi nel metaverso. Il CEO di Meta, Mark Zuckerberg, ha mostrato il prototipo all’evento Meta AI: Inside the Lab, mercoledì scorso, in un video demo preregistrato. Nel video, Zuckerberg ha spiegato il processo di costruzione di parti di un mondo virtuale, descrivendole. Inizia con il suggerimento: “Andiamo in un parco”. Il bot crea quindi un paesaggio 3D di un parco con erba verde e alberi. Zuckerberg poi dice: “In realtà, andiamo in spiaggia”, dopodiché il bot sostituisce il paesaggio attuale con uno nuovo di sabbia e acqua. Quindi dice che vuole aggiungere nuvole e nota che tutto è generato dall’intelligenza artificiale. Zuckerberg poi fa cambiare il panorama dicendo che preferirebbe avere nuvole ad alta quota, che hanno lo scopo di dimostrare quanto possano essere specifici i comandi vocali.
Subito dopo indica un’area specifica in acqua e dice: “aggiungiamo un’isola laggiù”, quindi il robot ne crea una. Zuckerberg emette quindi molti altri comandi vocali, come quelli per l’aggiunta di alberi e una coperta da picnic. Aggiunge anche il suono di gabbiani e balene. A un certo punto, aggiunge anche un aliscafo, un cenno a uno dei suoi hobby preferiti.

In tutto il video, il Builder Bot sembra sfruttare i comandi vocali per creare oggetti 3D e posizionarli nel paesaggio. Nel post sul blog che ha annunciato il prototipo, Meta ha affermato che lo strumento “alimenterà la creatività nel metaverso“, senza però offrire dettagli tecnici. Questa tecnologia, che già da molto tempo è sotto le lenti dei riflettori, in caso di successo potrebbe avere implicazioni per altri mondi e piattaforme in cui viene utilizzata la realtà virtuale. Ad esempio, la piattaforma di gioco Roblox ha iniziato a testare le funzionalità vocali negli ultimi mesi e offre la propria infrastruttura agli sviluppatori. È interessante immaginare come un’azienda come questa possa un giorno adottare il tipo di tecnologia mostrata nel prototipo di Meta per un’esperienza simile di costruzione del mondo di gioco.

Tuttavia, nella sua forma attuale, il mondo creato da Builder Bot è, al momento, abbastanza semplice in termini di aspetto e funzionalità. E, mentre all’inizio può essere divertente pronunciare i comandi per far apparire gli oggetti, poi potrebbe diventare un modo “scomodo e noioso” per costruire ambienti 3D più complessi. Semmai, potrebbe essere un divertente “parco giochi” per bambini per un’esperienza di livello base nella creazione del mondo virtuale. (Anche se, però, Meta sta già dimostrando che il suo ambiente virtuale potrebbe non essere un luogo sicuro per i bambini).

La presentazione da parte di Meta del suo prototipo arriva proprio quando la società sta spendendo miliardi di dollari nel metaverso. All’inizio di questo mese, Meta ha pubblicato per la prima volta i dati finanziari per la sua divisione Reality Labs e ha rivelato di aver perso più di $ 10 miliardi l’anno scorso. La società ha affermato che si aspetta che le perdite aumenteranno solo quest’anno, il che indica che Meta ha apparentemente infiniti soldi da spendere per costruire il metaverso e probabilmente ha un bel po’ di tempo per arrivare ai risultati prima di altre società più piccole. I profondi investimenti dell’azienda nel metaverso suggeriscono anche che vedremo più prototipi per far conoscere a tutti, investitori per primi, il metaverso.

Sebbene un vero “metaverso” potrebbe non esistere ancora, la parola d’ordine è stata utilizzata molto da Zuckerberg e Meta nell’ultimo anno e ha persino alimentato il suo recente cambiamento di marchio aziendale. Zuckerberg, in precedenza, ha descritto il metaverso agli investitori come un “ambiente virtuale in cui puoi essere presente con le persone negli spazi digitali. Puoi pensare a questo come a un Internet incarnato in cui ti trovi all’interno piuttosto che semplicemente guardando”. Meta ha fatto alcuni altri annunci al suo evento di mercoledì, inclusi i suoi piani per chatbot basati sull’intelligenza artificiale, uno strumento per schede di sistema basata sull’intelligenza artificiale e un traduttore vocale universale. L’azienda afferma che quest’ultimo potrebbe fornire una traduzione vocale istantanea in tutte le lingue, comprese quelle per lo più parlate, il che rappresenterebbe un salto rispetto ai sistemi di traduzione esistenti. Meta ha osservato che il 20% della popolazione mondiale non parla lingue coperte dagli attuali strumenti di traduzione e che prevede di superare questo problema implementando nuove tecniche di apprendimento automatico.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.