Autism Impact Fund: investitori professionisti per sconfiggere l’autismo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:06

Quando al figlio di Christopher Male fu diagnosticato il disturbo dello spettro autistico (ASD) nel 2018, il noto investitore di lunga data si è trovato catapultato in un territorio completamente nuovo e sconosciuto. “All’epoca conoscevo solo la parola ‘autismo’ e questo era tutto”, ricorda. Nel tentativo di aiutare suo figlio, Male si è immerso nel mondo dell’autismo e ha trovato quelli che ha descritto come “una comunità e un mercato incredibilmente frammentati e polarizzati, soluzioni inadeguate e antiquate con cartellini dei prezzi alti e lunghe file di attesa”.

L’investitore ha stabilito che non c’era “nessuna comprensione scientifica di ciò che stava accadendo nel mercato”. Spinto in parte dal capitalismo, ma soprattutto dal desiderio di aiutare suo figlio e altri come lui, Male si è buttato a capofitto e, all’inizio di quest’anno, ha collaborato con Brian O’Callaghan per far nascere il fondo economico Autism Impact Fund (AIF). La missione del fondo è “rivoluzionare lo status quo per la diagnosi del trattamento e la convivenza con l’autismo attraverso un modello di capitale di rischio”. Finora, l’AIF ha investito in sette società in fase iniziale.

L’AIF ha coinvolto anche Rob Sarrazin di GlaxoSmithKline (GSK) come chief investment officer e managing partner. Male e Sarrazin gestiscono le operazioni quotidiane del fondo.
Il bisogno c’è. Secondo il centro per il controllo dei disagi americano, il disturbo dello spettro autistico (ASD) colpisce 1 bambino su 54 e milioni di famiglie in tutto il mondo. “Abbiamo creato l’Autism Impact Fund con l’ambizione di diventare la leva per creare investimento e innovazione per la comunità dell’autismo“, ha affermato Male. “Questo è solo un enorme problema sociale con un sistema che è molto, molto rotto, e il nostro obiettivo è cambiare quel sistema”.

Per quasi un decennio, Male ha gestito l’ufficio investimenti della sua famiglia. Ha poi lanciato il suo fondo di rischio. Ma ammette che non c’è stato un ruolo nella sua vita più importante di quello attuale. L’AIF ha arruolato un gruppo di consulenti di alto profilo, tra cui il CEO di Uber, Dara Khosrowshahi, che ha due gemelli con autismo; Jennifer Frist, del Frist Center for Autism & Innovation della Vanderbilt University; e Bob Nelson, co-fondatore e amministratore delegato di ARCH Venture Partners. Mentre Male ha rifiutato di rivelare tutti gli investitori del AIF, ha affermato, però, che a questi vi sono istituzioni ad alto patrimonio netto e family office. Il fondo sta attivamente raccogliendo fondi, quindi Male non ha potuto raccontare molto, se non che le cose stanno andando bene.
“Il mercato per noi è stato abbastanza positivo e sulla buona strada, quindi siamo più avanti di quanto pensassimo di essere”, ha detto.

L’AIF effettua investimenti diretti in una varietà di settori, come la biologia, l’ambiente e lo studio dei comportamenti. È intenzionalmente focalizzato sulle società a scopo di lucro in modo che il suo lavoro non si sovrapponga alle organizzazioni non profit. “Questo non è solo un gruppo di individui. Siamo investitori professionali”, ha detto Male. “Stiamo anche riunendo la comunità attraverso accademici, istituzioni governative, organizzazioni non profit e fondazioni”.

Le società in portafoglio includono Axial, che sta sviluppando agenti a piccole molecole con restrizione intestinale destinati al trattamento dei sintomi principali dell’autismo; BioROSA, che sta sviluppando un biomarcatore per l’autismo; Floreo, che fornisce una gamma di terapie attraverso una piattaforma di realtà virtuale basata sull’intelligenza artificiale; e Joshin, una piattaforma di assistenza digitale per persone con bisogni speciali il cui finanziamento è stato recentemente coperto da TechCrunch. Inoltre, John Slattery e Marie Causey hanno fondato la startup dell’area di Boston BioROSA, che sta sviluppando un biomarcatore che mira a rilevare l’ASD nei bambini di 18 mesi, nel 2018. “Ciò ridurrebbe l’età media della diagnosi, che attualmente è di più di quattro anni ed è molto distorta con le minoranze e le popolazioni meno abbienti che non se la cavano bene”, ha detto Male.
BioROSA ha raccolto poco più di $ 3 milioni, incluso un round a cui l’AIF ha partecipato a luglio. “C’è una forte ricerca accademica che supporta la tesi su cui è costruita questa azienda”, ha detto Slattery. “Il nostro obiettivo è consentire la diagnosi precoce e trasformare lo standard diagnostico di cura“. Per le famiglie con autismo, gli investimenti fatti dall’AIF potrebbero cambiare la vita. E credo non si possa essere molto più significativi di così…

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.