L’abominio della pedopornografia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:03

Sempre mansueto e buono, quando gli toccano i piccoli, Gesù, diventa feroce. Da sempre i bambini, proprio perché deboli e indifesi, sono stati fatti oggetto degli egoismi e di scelte aberranti degli adulti.

Le cose vanno cambiando lentamente. Con l’avanzare delle discipline sociologiche, mediche, psicologiche, oggi tutti si dicono concordi nel ritenere fondamentale la presenza attenta e amorevole degli adulti nell’educazione dei bambini fin dai primi mesi. Tra i tanti soprusi, che lentamente vanno scomparendo – schiavitù, lavoro minorile, malnutrizione, maltrattamenti in famiglia, scarsa scolarizzazione -, lo scempio sessuale di cui tantissimi sono fatti oggetto da parte di adulti viziati, malati, osceni, anche – soprattutto? –  nelle società economicamente e socialmente più avanzate, proprio non vuol morire.

Purtroppo se ne parla troppo poco, l’orrore è talmente forte che, volentieri, si discute d’altro.  Eppure è sotto gli occhi di tutti che ai poveri genitori – anche a quelli più attenti – vengono sempre di più sottratte le torri da cui tenere sotto controllo i nemici dei figli. Nemici invisibili, che, “ come leoni ruggenti” si aggirano in rete alla ricerca di innocenti da divorare.

Fantasmi di cui il comune mortale non conosce nemmeno i nomi e i volti. Spettri che sono invece persone in carne, ossa, portafogli, computer e agganci ideologici. Aguzzini nelle cui mani i bambini sono tenere prede inermi, oggetti di piacere.

Ci fu un tempo in cui i padri, a costo di farsi cavare gli occhi, difendevano i figli dall’insana e sozza libidine degli orchi che vedevano aggirarsi nei dintorni, anche se, va detto, non poche volte, all’interno delle stesse case avvenivano quegli orribili scempi.

La realtà virtuale ha reso il mondo un piccolo villaggio, dove tutti possono connettersi con tutti. Una realtà che è un’arma a doppio taglio, può fare tanto bene e tantissimo male. Ancora una volta è l’uomo a fare la differenza; sono le cose che pubblica, che cerca, le proprie e le altrui intenzioni che vanno valutate. È attraverso questi mezzi on line che la pedopornografia sta mietendo più vittime di quanto si possa ingenuamente immaginare. Il discorso riguarda tutti e perciò tutti debbono rendersi conto che in ballo c’è la vita e il futuro dei loro figli.

Il mondo on line ha reso un ottimo servizio ai pedofili, i quali sempre di più vanno affilando le loro armi avvelenate per individuare, catturare, stuprare, vendere le piccole vittime di cui vanno ghiotti. Foto e filmati di bambini e bambine – sovente neonati – fanno il giro del mondo in poche ore. Il commercio sulla carne e sul sangue dei bambini caduti nelle loro grinfie ha raggiunto cifre da capogiro. Costoro non si saziano mai, fagocitano il materiale in rete, lo archiviano, lo rivedono, lo scambiano, lo vendono. Denaro, stupri, piacere sessuale, sovente fino alla morte del bambino. Un’ enormità da fare accapponare la pelle a un rinoceronte.

Tutti sappiamo tutto, eppure tutto tace, o, almeno, si sussurra a bassa voce. I

n Italia, don Fortunato Di Noto e “Meter” l’associazione da lui fondata, sono instancabili nel denunciare centinaia di siti pedopornografici e tenere accesi i riflettori sul dramma. Da soli, però, non ce la facciamo; questa guerra, spaventosa, impari, crudele, vigliacca, non la potremo mai vincere. Occorre che le autorità legittime prendano di petto la sfida, si armino, moltiplichino gli eserciti e, senza paura, si lancino apertamente nella nobilissima guerra a difesa dei bambini.

Per prima cosa, però, occorre che ognuno dica da che parte stia. Ieri, su Avvenire, a riguardo, Luciano Moia ci ha dato una notizia dolorosa: « Il codice privacy blocca le indagini sui pedofili, le polizie postali non sono più in grado di operare. Se non si riuscirà a intervenire in tempi brevi, non sapremo più nulla o quasi, degli orchi in rete perché sarà azzerata la possibilità di individuarli». Da non credere. Tra il diritto alla privacy e il dovere della salvaguardia dei bambini dagli artigli dei pedofili non c’è, non ci può essere paragone. Nessuno si renda complice del male che viene fatto ai bambini. Nessuno porti acqua ai mulini dei pedofili. È lecito, allora, domandarci a riguardo: ma l’ Europa da che parte sta?

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.