Risotto alle Capesante

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Si avvicina l'inverno, ma non per questo in cucina si rinuncia al sapori del mare. Questo weekend vi proponiamo un risotto delizioso, un mix di ingredienti particolari e sfiziosi. Il curry si sposa alla perfezione con il pesce; la mela smorza il sapore forte delle spezie e dello scalogno e la mandorla, croccantina, fanno il resto creando un esplosione di gusti sul palato. Il risotto alle capesante è un primo piatto molto elegante, soprattutto se servito nelle conchiglie delle capesante, ideale per una cena importante.

Ingredienti

  • 280 gr di riso;
  • 1,2 litri di brodo vegetale;
  • 8 capesante;
  • 2 scalogni;
  • 30 gr di mandorle spellate tostate;
  • 1 mela rossa;
  • 50 gr di burro;
  • 1 foglia di alloro;
  • Farina q.b.;
  • 1 cucchiaio di curry;
  • 1 bicchierino di cognac;
  • 1 bicchiere di vino bianco secco;
  • Sale q.b.;

Procediemnto

Sbucciare uno scalogno, tritarlo e farlo insaporire in una casseruola con 30 gr di burro, le mandorle e la mela lavata e tagliata a spicchietti. Appena lo scalogno comincia a prendere colore, unire il riso, mescolare e fare insaporire un paio di minuti. Sfumare con il vino, lasciare evaporare, poi aggiungere 2 mestoli di brodo bollente; regolare di sale e cuocere per circa 16/18 minuti, aggiungendo man mano altro brodo. Nel frattempo aprire le capesante, asportare i molluschi, lavarli, asciugarli e infarinarli leggermente. Sbucciare e affettare lo scalogno rimasto, farlo insaporire nel restante burro con l’alloro e, non appena sarà morbido, unire le capesante. Far dorare le capesante un paio di minuti per parte, sfumare con il cognac, salare poco e aggiungere il curry diluito in un mestolino di brodo. Lasciare insaporire 3 minuti e togliere dal fuoco. Distribuire il risotto nei piatti, coprirlo con le capesante e il loro sughetto. Questo risotto va serivto non troppo caldo. Buon appettito!

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.