Pasta e patate: alla faccia della dieta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Il dietologo sconsiglia di mischiare i carboidrati nello stesso pasto: pane, pizza, pasta e patate, sostiene, vanno consumati separatamente. Il gusto, però, come l'amore è cieco e non sempre segue le regole del bon ton salutistico-alimentare. Pasta e patate ai cultori della dieta sembrerà un orrore da evitare come la peste. Non vi consigliamo lo stesso di provarla, magari nel giorno “libero” che i nutrizionisti di ultima generazione sempre più spesso concedono ai loro pazienti. 

Ingredienti (per 4 persone)

Patate (700 gr)

2 cipolle bianche

Prezzemolo (qb)

Olio extravergine d'oliva

Sale (qb)

1 dado da cucina (non ditelo agli chef, ma serve, al limite prendetelo biologico)

Pasta corta (meglio se pipe rigate, penne, mezze maniche o rigatoni) (300 gr)

Peperoncino (qb)

Preparazione

Pelare le patate, lavarle, asciugarle con la carta da cucina e tagliarle a cubetti. Pulire e tritare le cipolle, tritare il prezzemolo. Una volta preparati gli ingredienti far soffriggere le cipolle tritate in almeno un fondo di olio extravergine d'oliva insieme al peperoncino all'interno di una pentola. Quando il soffritto avrà raggiunto il caratteristico colore dorato aggiungere le patate e far cuocere a fuoco medio per circa un minuto mescolando frequentemente in modo da non farle attaccare. A questo punto aggiungere l'acqua. Sì, ma quanta? Le patate dovranno sfaldarsi completamente, quindi è sufficiente che il livello del liquido aggiunto superi quello dei tuberi di circa tre dita (eventualmente ne aggiungerete dell'altra se evaporasse troppo in fretta). Aggiungete anche il prezzemolo e il dado, abbassate il fuoco e coprite la pentola. Una volta raggiunta l'ebollizione cominciate a mescolare. E' fondamentale che le patate non si attacchino, quindi più si abbassa il livello dell'acqua, più di frequente dovrete mescolare il preparato. Quando il tutto si sarà ridotto a un composto omogeneo (o quasi, non ci sta male qualche patata ancora semi integra) spegnere il fuoco e lasciare intiepidire. Cuocere la pasta, scolare, mischiare con il preparato e servire con una spolverata di parmigiano o grana grattugiato.

Buon appetito

Possibile variante

Al soffritto iniziale aggiungere qualche cubetto di pancetta affumicata, darà al piatto un sapore ancora più interessante. 

 

 

 

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.