Il Grano dei Morti o “Ciceccuòtte”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

All'avvicinarsi della festa di Ognissanti, in Capitanata (la provincia di Foggia), le cucine di nonne e zie sono in fermento per la preparazione dei “ciceccuòtte”, o “Grano dei morti”. Una ricetta che si tramanda di generazione in generazione con un significato: con questo piatto i contadini ringraziavano i Santi del raccolto andato bene. Il grano è auspicio di rinascita, mentre il melograno simboleggia l’abbondanza e il buon augurio.

Ingredienti (per 10 persone)

  • 500 g di grano precotto;
  • 1 melograno maturo;
  • 150 g di gherigli di noci;
  • 100 g di cioccolato fondente a pezzetti;
  • vincotto q.b.;
  • cannella.

Procedimento

Lasciare il grano in ammollo per una notte intera. Il giorno dopo, lavarlo con l'acqua corrente. Poi metterlo in una pentola capiente. Riempirla con acqua fredda e portare a bollore. Cuocere per un'ora. Quindi, scolare e lasciar raffreddare. Poi, sgranare il melograno e tagliare il cioccolato fondente a pezzettini e tritare le noci. Dopo aver sgocciolato il grano “precotto”, in una ciotola capiente unire tutti gli elementi: grano, cioccolato fondente, noci, melograno e mescolare delicatamente. Aggiungere un pizzico di cannella. Aggiungere il vinocotto e mescolare ancora. Lasciar quindi riposare per almeno un'ora in frigo. Il grano dei morti va servito fresco, con l'aggiunta di altro vinocotto. Buon appetito !!!

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.