Coppette di riso venere e pesce spada

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

In estate, cosa c'è di meglio che rinfrescare il palato con un antipasto fresco e sfizioso come le coppette di riso venere con pesce spada? Accompagnate da una morbida crema di basilico e porri, sarà la portata ideale per aprire un pranzo, o una cena, con amici e parenti.

 

Ingredienti 

 

Per 10 coppette

200 g di riso venere; 
250 g di pesce spada; 
1 scorza di limone;

Olio d'oliva q.b.

Sale e pepe q.b.

Per la crema

100 g di porri; 
20 g di zenzero fresco

15 g di basilico; 
30 g di Olio extravergine d'oliva; 
Sale fino q.b. 

Per guarnire

Menta q.b. 
Olio extravergine d'oliva q.b.

 

Procedimento

Versare il riso in abbondante acqua salata e cuocere per circa 40 minuti. Nel frattempo sbucciare lo zenzero e tagliarlo a pezzi grossolani, poi mondare il porro e tagliarlo a rondelle. Scaldare un filo d’olio in un pentolino e far soffriggere il porro e lo zenzero per cinque minuti. Trasferire il soffritto in un bicchiere alto e stretto e unirvi le foglie di basilico precedentemente lavate e asciugate e i 30 g di olio. Frullare il tutto con un frullatore a immersione fino ad ottenere una crema liscia e omogenea, poi aggiungere sale (a piacere).

Eliminate la pelle dal pesce spada e tagliarlo prima a striscioline e poi a dadini. Scaldare un filo d’olio in una casseruola, aggiungere il pesce spada a dadini e farlo saltare per 5 minuti a fuoco vivace, insaporendo con la scorza di limone grattugiata, sale e pepe. Una volta che il riso sarà cotto, scolarlo e versarlo in una ciotola. Quindi condirlo con un un filo d’olio e una macinata di pepe. Mescolare bene. 

Ora passare all'assemblaggio. Mettere alla base delle coppette un primo strato di riso venere, coprire con un cucchiaino di crema di porro e basilico e aggiungete qualche dadino di pesce spada, poi chiudere con un altro strato di riso. Guarnire con un filo d’olio in superficie e qualche fogliolina di menta fresca. Servire tiepidi o a temperatura ambiente. Buon appetito! 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.