“Via Pulchritudinis”: l'arte sacra alla Fiera di Roma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00
arte

Dal 3 al 6 febbraio 2018 la Fiera di Roma ospiterà “Via Pulchritudinis. Il sacro si mette in mostra, l'esposizione internazionale sull'arte sacra. Una full immersion a 360 gradi dove sarà dato spazio al turismo religioso e alle visite guidate, ma anche ad arredo liturgico, musica, arte e workshop a tema.

Ricco programma 

Organizzata da Fiera di Roma e Fivit con la collaborazione del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, “Via Pulchritudinis”; vedrà riuniti i più importanti produttori italiani ed esteri di oggetti liturgici e l’esperienza proposta è quella di riscoprire il ruolo di evangelizzazione della bellezza. Per l'occasione saranno esposte, tra l’altro, Piviale e Mitra delle Aperture degli Anni Santi del 1975, 1983, 2000 e 2016. Nella prima giornata il concerto all’interno della Cappella Sistina, ha ricordato mons. Massimo Paolombella, direttore del Coro della Cappella Sistina. Mentre, in chiusura, la giornata dedicata alla scultura, al mosaico e alle vetrate, dove interverrà anche padre Marko Ivan Rupnik, direttore del Centro Aletti a Roma e autore dei suggestivi mosaici nella cripta di Padre Pio a San Giovanni Rotondo e della Cappella Redemptoris Mater del Palazzo Apostolico.

Valorizzare la bellezza 

E' importante “valorizzare il più possibile la creatività dei nostri contemporanei”, ha affermato  mons. Rino Fischella, presidente del Pontificio Consiglio per la  Promozione della Nuova Evangelizzazione su Radio Vaticana, “perché il Vangelo possa raggiungere tutti”. “La contemplazione delle cose belle – ha aggiunto durante la conferenza stampa di presentazione a Palazzo Pio – aiuta ad avere maggior rispetto per gli altri, a crescere nel senso di responsabilità anche per i luoghi dove quotidianamente si svolge la nostra esistenza”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.