MERCOLEDÌ 05 APRILE 2017, 11:04, IN TERRIS

Vendevano droga su ordinazione, con consegna a domicilio: 5 arresti a Roma nord

Una vera e propria organizzazione è stata sgominata dai carabinieri: i pusher rifornivano le piazze anche in paesi limitrofi. Sequestrati anche 24 mila euro

REDAZIONE
Vendevano droga su ordinazione, con consegna a domicilio: 5 arresti a Roma nord
Vendevano droga su ordinazione, con consegna a domicilio: 5 arresti a Roma nord
Vendevano droga su ordinazione, effettuando vere e proprie consegne a domicilio ai propri clienti: cinque spacciatori di nazionalità albanese, fra i 22 e i 50 anni, sono stati arrestati dai carabinieri della Compagnia di Bracciano, nell'ambito di un'operazione di smantellamento di un redditizio traffico di stupefacenti in una vasta aerea della parte settentrionale della Capitale. L'attività di smercio era gestita come una vera e propria azienda, con tanto di call center operativo e fattorini, i quali consegnavano la merce utilizzando automezzi forniti di doppifondi e vani segreti nei quali nasconderla. Ognuno dei pusher svolgeva una precisa mansione all'interno dell'organizzazione, dal reperimento della droga alla coordinazione dei rifornimenti nei quartieri.

"Fattorini" di droga


In una zona piuttosto ampia, compresa tra Bracciano e la via Cassia (in direzione Gra), gli spacciatori potevano contare su un'altrettanto vasta gamma di clienti, i quali effettuavano le proprie ordinazioni telefonando a un numero riconducibile a un appartamento di Riano. Tramite lo stesso recapito, i coordinatori fornivano le indicazioni ai "cavalli" impiegati per la consegna, che avveniva con lo stesso sistema di una pizza a domicilio. Secondo quanto emerso dall'indagine, qualora uno dei "fattorini" fosse stato intercettato, sarebbe stato immediatamente rimandato in Albania e sostituito da un "collega" proveniente dallo stesso Paese balcanico.

Donne contabili


Gli arresti sono stati eseguiti alle prime luci del 5 aprile: secondo quanto riferito, anche una ragazza di 25 anni sarebbe stata fermata dalle Forze dell'ordine, poiché trovata in possesso di circa 900 grammi di cocaina, conservata in un battiscopa all'interno del suo appartamento. A quanto sembra, il ruolo giocato dalle donne nel contesto dell'organizzazione era piuttosto importante: erano loro, infatti, a gestire le cifre investite e i proventi, in una sorta di ufficio contabilità. Secondo quanto riportato, inoltre, come nel caso della 25enne fermata, conservavano piccole quantità di droga pronte per essere rivendute. Dalle perquisizioni dei vari locali utilizzati dagli spacciatori, infine, è scaturito il sequestro complessivo di 24 mila euro in contanti, ritenuti dagli inquirenti come parte dei proventi dell'attività criminosa della banda albanese.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Jessica Notaro
QUIRINALE

Mattarella conferisce 30 onorificenze al merito

Insignita anche Jessica Notaro e don Paolo Felice Giovanni Steffano
Daniel Hegarty
MOTOCICLISMO

Motociclista muore durante il Gp di Macao

Daniel Hegarty aveva 31 anni: è finito contro le barriere
Malcom Young sul palco
HARD ROCK

E' morto Malcolm Young fondatore degli Ac/Dc

Il fratello Angus: "Ci lascia un'eredità attraverso la quale vivrà per sempre"
Carabinieri del Ros in azione
MAFIA

Taormina: 12 arresti nel clan Brunetto

Sono ritenuti responsabili di associazione a delinquere di tipo mafioso
Papa Francesco ha reso omaggio a Benedetto XVI
PREMIO RATZINGER

Benedetto, maestro nella ricerca della verità

L'omaggio di Francesco al predecessore: "Il suo magistero eredità preziosa"
PENSIONI

L'appello di Gentiloni ai sindacati: "Pacchetto rilevante, sostenetelo"

L'esecutivo presenta due nuove proposte tra cui un fondo per la proroga dell'Ape sociale