MERCOLEDÌ 29 MAGGIO 2019, 10:24, IN TERRIS


APPIO

Tragedia al nido: neonato muore nel sonno

Probabile caso di Sids, la sindrome della morte improvvisa del lattante

MILENA CASTIGLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Neonato in culla
Neonato in culla
T

ragedia in un asilo nido del quartiere Appio, a Roma. Un bambino di un anno è morto nel sonno mentre stava facendo un riposino. Ad accorgersene, le maestre della struttura - il Pastrocchi e Scarabocchi di via della Marrana - quando hanno cercato di svegliarlo. "Mi sono accorta subito che c'era qualcosa che non andava - ha raccontato su Il Messaggero una delle maestre - aveva gli occhi chiusi ma si agitava in modo inconsulto. L'ho preso in braccio, poi è diventato improvvisamente cianotico. E ha smesso di respirare. A quel punto lo abbiamo subito rimesso nel lettino e chiamato il 118". A quanto si apprende il piccolo non soffriva di alcuna patologia. Sul caso indagano i Carabinieri della stazione Tuscolana ma, secondo fonti investigative, il bimbo sembra sia morto per cause naturali. Il medico, prontamente intervenuto per i primo soccorsi, non ha infatti riscontrato segni di violenza né di altre cause se non quella naturale. L'ipotesi più probabile è che si sia trattato di un caso di Sids, la sindrome della morte improvvisa del lattante. Il corpicino è stato trasportato all'obitorio del Verano dove sarà effettuata l'autopsia.


La Sids

La sindrome della morte improvvisa del lattante (o SIDS) è un fenomeno che non trova ancora alcuna spiegazione presso la comunità scientifica. Si manifesta provocando la morte improvvisa ed inaspettata di un lattante apparentemente sano: la morte resta inspiegata anche dopo l'effettuazione di esami post-mortem. La sindrome colpisce i bambini nel primo anno di vita ed è a tutt'oggi la prima causa di morte dei bambini nati sani. In Italia ha avuto un'incidenza dello 0,5 per mille circa nel 2011 (23 bambini sotto i 5 anni, l'1,3% dei decessi totali nel periodo di riferimento). Talvolta, se soccorsi prontamente, alcuni neonati, vittime apparenti di SIDS, possono essere rianimati ma è stato riscontrato un altissimo rischio di lesioni cerebrali permanenti dovute a anossia - la mancanza di ossigeno nel cervello - con conseguente possibile disabilità. Un caso analogo era avvenuto nel 2016 anche in un nido di Fabriano, in provincia di Ancona. In quel caso, neppure i primi soccorsi effettuati in loco dalle stesse maestre - formate con appositi corsi per il pronto intervento su neonati - era riuscito a salvare la piccola Giulia, di appena 4 mesi.

 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Una foto di Mattia Torre sui social network
CULTURA

Addio allo sceneggiatore Mattia Torre

Famoso per aver scritto la serie tv di culto “Boris”, era malato da tempo
Un'immagine del Santuario di Lourdes
PELLEGRINAGGI

La diocesi del Papa in viaggio verso Maria

Pellegrinaggio mariano a Lourdes dal 26 al 29 agosto organizzato dal Vicariato
GRECIA

Terremoto in Grecia, paura ad Atene

Il sisma, di magnitudo 5.3, ha bloccato molti in ascensore
Per il 91% degli italiani, le recensioni di TripAdvisor sono attendibili
OCCHIO AL WEB

Recensione negativa per TripAdvisor

Il Consiglio di Stato ha multato la nota community di recensioni online
Bossoli
CAMORRA

Doppia "stesa" a Napoli: paura nella notte

Due bossoli davanti alla chiesa dove fu ucciso Genny Cesarano
PICCOLI SVANTAGGIATI

L'app per i bambini non udenti migliora la sua offerta

StorySign amplia i suoi contenuti a disposizione dei 32 milioni di minori privi di udito
NERA

Milano, 28enne morto in una piscina comunale

Sul caso indagano i Carabinieri, ipotesi aperte sul motivo del decesso
Luigi Di Maio
GOVERNO

Di Maio: "Escludo crisi, parliamo e andiamo avanti"

Così il vicepremier 5 stelle per allontanare le tensioni fra i due partiti alla guida dell'esecutivo
ALLERTA D'ESTATE

Vacanze e social: allarme furti

La denuncia shock di Skuola.net: "Più della metà si geolocalizza"
Dia
RAPPORTO

Dia: "Le operazioni finanziarie delle mafie sono al Nord"

Lʼallarme: "Dalla mafia nigeriana rischi di radicalizzazione islamica"
Ospedale Cardarelli di Napoli
NAPOLI

Furbetti del cartellino: 60 avvisi di garanzia al Cardarelli

Dipendenti dell'azienda ospedaliera si allontanavano in orario di lavoro
La cattedrale di Sarzana
LIGURIA

Sarzana, nuova mostra al Museo Diocesano

Rassegna culturale che ha come elemento centrale la misericordia