GIOVEDÌ 19 SETTEMBRE 2019, 16:38, IN TERRIS


PERIFERIE

Tor Bella Monaca: famiglia di rom mandata via da una protesta

Il nucleo di quattro persone era legittimo assegnatario di un alloggio popolare, ora potrebbe rinunciare

LORENZO CIPOLLA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Tor Bella Monaca (Foto-Cgil Roma Rieti)
Tor Bella Monaca (Foto-Cgil Roma Rieti)
N

on sono potuti entrare nella loro abitazione perché qualcuno nel quartiere non li voleva e l'ha fatto ben presente in strada. Ricorrendo anche alle minacce. Senza un tetto e umiliati, piegati anche se non spezzati da un gesto così intollerante, sono andati a denunciare tutto ai carabinieri. Protagonisti della vicenda, una famiglia di nomadi e un gruppetto di abitanti del quartiere.


Le minacce

Il nucleo famigliare rom di quattro persone, legittimo assegnatario di un alloggio popolare in via Santa Rita da Cascia a Tor Bella Monaca, nella periferia capitolina, è dovuto ricorrere alle forze dell'ordine dopo essere stata spinta da una protesta e da alcune minacce a non prendere possesso dell'abitazione. La famiglia si era recata all'indirizzo dell'appartamento intorno alle 9:30 della mattina di giovedì 19 settembre. I quattro avrebbero riferito ai carabinieri che all'arrivo del dipendente dell'Azienda territoriale per l'edilizia residenziale pubblica (Ater), con le chiavi dell'alloggio della famiglia, si sarebbe radunato un gruppetto di cinque o sei persone, probabilmente residenti nel quartiere, per manifestare il proprio dissenso e cercare di convincere la famiglia a non andare a vivere lì, dove legittimamente gli spettava. Un dissenso manifestato anche con le minacce, secondo la loro testimonianza. Mentre la famiglia e il funzionario pubblico stavano chiudendo la pratica di assegnazione, qualcuno - o qualcuna, visto che ci sarebbero state anche delle donne - batteva colpi sulla porta. Si sarebbe sentito anche gridare frasi come "uscite da questa casa altrimenti ci saranno conseguenze" e "se ritornate non campate più". A quel punto il dipendente pubblico avrebbe chiamato la locale stazione dei carabinieri. Al loro arrivo però i militari non hanno trovato nessuno dei dimostranti, erano tutti rincasati.


Le proteste

Avrebbero intenzione di rinunciare all'alloggio i quattro rom che una parte di Tor Bella Monaca non vorrebbe. Intanto hanno sporto denuncia contro ignoti e confermato di aver ricevuto minacce di quel tenore. I carabinieri stanno indagando per rintracciare chi fosse presente all'assembramento e avesse proferito quelle intimidazioni. Non si tratta del primo episodio di protesta anti-nomadi che attraversa le periferie più disagiate di Roma. In precedenza si sono unite a queste iniziative anche sigle di estrema destra come Casapound e Forza Nuova. Lo scorso aprile, a Torre Maura, erano stati dati alle fiamme dei cassonetti e calpestato il pane destinato a una famiglia rom a cui era stato assegnato un appartamento. A maggio era stata la volta di Casal Bruciato. Per diversi giorni alcuni abitanti del quartiere, sostenuti sempre da movimenti di destra, organizzarono in un sit-in contro l'arrivo di 14 persone di etnia rom.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Immagine di repertorio
IL CASO

Milano, il pm sospende il gioco horror

Per gli inquirenti, l'assenza di illuminazione avrebbe messo in pericolo i concorrenti
La statua d'arte indigena, oggetto di controversie, trasportata lungo via della Conciliazione durante la Via Crucis del 19 ottobre scorso - Foto © Andrew Medichini per AP
SINODO PER L'AMAZZONIA

Statue indigene in chiesa gettate nel Tevere. Per alcuni erano pagane

Continua il caso controverso sulle statue di arte indigena collocate in una chiesa durante il Sinodo
Scritta per Desirée sul portone dello stabile dove il suo corpo è stato ritrovato
ROMA

Morte di Desirée, in quattro a processo

La 16enne venne ritrovata priva di vita, un anno fa, in uno stabile abbandonato del quartiere di San Lorenzo
Il libro di don Aldo Buonaiuto,
SASSOFERRATO | ANCONA

Halloween: un viaggio nel mondo nell'occulto

L'incontro tenuto da don Aldo Buoniauto presso la parrocchia di san Facondino
Giuseppe Conte e Luigi Di Maio
GOVERNO

Manovra, bilaterali coi partiti: Conte prova a ricucire

Il premier incontra le forze di maggioranza per snodare i punti critici. E anche dall'Ue arriva una missiva per chiedere...
L'incendio e i danni al tetto della struttura storica
TORINO

In fiamme la Cavallerizza Reale, patrimonio Unesco

Appendino: "Il tema oggi non è l’occupazione ma che la Cavallerizza così non può stare"
Immagine di repertorio
NUOVI MERCATI

La tecnologia rilancia l'impresa, ma mancano 45 mila tecnici digitali

In agosto recupero della produzione industriale. Richieste nuove competenze e nel weekend 100 mila visitatori a Roma alla fiera...
La merce sequestrata
SALERNO

Contrabbando di tabacchi: 12 arresti

Sospeso il reddito di cittadinanza a cinque dei fermati
Strade allagate
ALLERTA METEO

Nubifragio a Milano, città allagata

Il fiume Seveso è vicino all'esondazione, sotto osservazione anche il Lambro
Pini domestici
EMERGENZA ECOLOGICA

Piano del Campidoglio per le periferie green

In Italia 31 metri quadri di verde a cittadino. Piantare alberi è tra gli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo...
Sampdoria-Roma 0-0. Nicolò Zaniolo contrastato da Bertolacci - Foto © Twitter
SERIE A

Ranieri, buona la prima: la Roma sbatte sulla Samp

Pareggio a reti bianche a Marassi. Il Genoa crolla col Parma, l'Inter soffre ma stende il Sassuolo
Maker Faire Rome
SVILUPPO

Enea, verdure spaziali e hi-tech anti-zanzare

Alla rassegna romana degli inventori 4.0 le ultime scoperte dell’ente pubblico di ricerca