Stadio della Roma: 15 richieste di rinvio a giudizio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:33

E' un caso ma a poche ore dall'ok di Virginia Raggi allo Stadio della Roma arrivano le richieste di rinvio a giudizio in relazione all'indagine “Rinascimento” che riguarda proprio l'impianto di Tor di Valle. 

Eurnova

La richiesta di processo, anzitutto, è stata avanzata nei confronti dell'imprenditore della Eurnova Luca Parnasi e di cinque suoi stretti collaboratori (Luca Caporilli, Giulio Mangosi, Nabor Zaffiri, Gianluca Talone e Simone Contasta). Il pm Barbara Zuin e il procuratore aggiunto Paolo Ielo ipotizzano, a seconda delle posizioni, i reati di associazione per delinquere, corruzione e finanziamento illecito. 

La lista

L'elenco contempla anche i nomi di Adriano Palozzi (ex vicepresidente del Consiglio della Regione Lazio di Forza Italia), Michele Civita (attuale consigliere regionale Pd), il soprintendente ai beni culturali di Roma, Francesco Prosperetti, e poi Davide Bordoni, consigliere comunale di Forza Italia, Vanessa Aznar Ababire, amministratrice formale della Pixie Social Media srl, di cui Palozzi era amministratore di fatto, Daniele Leoni, funzionario del Dipartimento Urbanistica del Comune di Roma, Giampaolo Gola assessore allo sport del X Municipio, l'architetto Paolo Desideri, e Claudio Santini, ex capo di Gabinetto al Mibact.

Gli altri

Nei confronti di altri indagati, e cioè l'ex presidente di Acea Luca Alfredo Lanzalone, il legale Luciano Costantini e Fabio Serini, commissario straordinario dell'Ipa, l'ente previdenziale dei dipendenti capitolini, i magistrati avevano già chiesto e ottenuto il giudizio immediato con il processo in tribunale che si aprirà il mese prossimo. Le accuse vanno dalla corruzione al traffico di influenze illecite. Ora deciderà il gip se disporre o meno il giudizio immediato.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.