“Spelacchio”, l'albero più sbeffeggiato sui social

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Virgì, l'anno prossimo famo er presepe…”. Ecco uno dei tanti commenti che hanno come bersaglio la sindaca di Roma e, naturalmente, “Spelacchio“. Ebbene sì, l'albero di Natale che svetta a Piazza Venezia, proprio di fronte all'Altare della Patria è diventato oggetto di sbeffeggi sui social, tanto da diventare l'hashtag più trendy delle ultime ore a Roma. E, ciliegina sulla torta, non sono mancate le critiche nei confronti della sindaca Raggi e più in generale del Movimento 5 Stelle. 

Spelacchio

Per le seconde vacanze natalizie dell'era grillina, lo scorso 8 dicembre è stato acceso l'albero di Natale di Piazza Venezia con 600 sfere e 3 chilometri di luci. Ma se l'abete dello scorso anno era stato definito dal tabloid britannico Daily Mail come “infinitamente triste”, quello di quest'anno rischia di scalare rapidamente la hit degli alberi peggiori che Roma Capitale abbia mai avuto

Le critiche sui social

Virginia Raggi non potrà dare la colpa alle amministrazioni precedenti“, si legge sui social. E alla sindaca pentastellata non è rimasto altro che difendere l'abete sottolineando la semplicità e la raffinatezza delle decorazioni. “E' certificato Fsc (Forest Stewardship Council) e quindi è anche conforme ai più rigorosi standard ambientali e addobbato con semplicità e raffinatezza“. Ma il problema sembrerebbe non riguardare solo gli addobbi e le luminarie. Infatti le fronde dell'abete rosso della Val di Fiemme alto 21 metri appaiono un po' troppo rade… da qui il soprannome “spelacchio”.

L'appello di Simona Ventura

Di fronte a tanta “semplicità e raffinatezza” è intervenuta anche la conduttrice Simona Ventura. “Se il sindaco Virginia Raggi non si offende, vorrei lanciare una petizione tra il milione dei miei followers. Se vi sono rimaste palline, luci, stelle, fiocchi vorrei donarle a #Spelacchio. Che ne pensate? Anche perché, se resta così, è così anonimo che il milite ignoto al confronto è una celebrità”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.