Scuole chiuse a Roma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:23

A causa dell'ondata di maltempo che nelle prossime ore dovrebbe abbattersi sulla Capitale, la sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha firmato un'ordinanza per la chiusura delle scuole – di ogni ordine e grado, compresi asili nido e scuole di infanzia – per lunedì 29 ottobre. L'allerta meteo è stata diramata dalla protezione civile del Lazio che prevede forti venti, piogge intense e temporali a “livello tempesta”. Gli istituti, fanno sapere dal Campidoglio, saranno comunque presidiati dai dirigenti scolastici e dai funzionari comunali dei servizi educativi e scolastici. Il provvedimento si è reso necessario per prevenire situazioni di pericolosità per l'incolumità dei bambini e degli studenti, e per motivi riguardanti la sicurezza e la circolazione stradale. 

La Raggi annulla il viaggio in Argentina

Nel frattempo, Virginia Raggi – con un post su Instagram ha annunciato di aver annullato “il suo viaggio in Argentina, dove oggi avrei dovuto partecipare all'U20, il summit sul clima delle capitali dei principali Paesi del mondo. Ho ritenuto doveroso, vista l'allerta, restare in città per coordinare gli interventi ed essere vicina ai cittadini che dovessero vivere disagi e difficoltà”. 

Misure straordinarie per evitare allagamenti

Nel lungo post, la sindaca pentastellata, spiega che sono state attivate misure per fronteggiare il rischio allagamenti. Infatti, è stato avviato un piano straordinario “di spazzamento foglie e pulizia delle caditoie, ed effettuato oltre 130 interventi di rimozione di rami e alberi caduti. Da questa mattina alle 8 è attivo il Coc, il centro operativo comunale – ha spiegato la Raggi – incaricato di gestire l'allerta meteo. Il Coc riunisce nella sede della Protezione Civile di Roma Capitale tutte le strutture interessate alla gestione dell'allerta: dipartimenti del Campidoglio competenti, Polizia locali, Municipi, società di pubblici servizi”. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.