MERCOLEDÌ 29 MARZO 2017, 19:50, IN TERRIS

Sanità nel Lazio, Zingaretti: "Per la prima volta i conti sono in attivo"

Il presidente della Regione al Mef: "Bilancio positivo dopo 10 anni, disavanzo sotto il 5% per il secondo anno consecutivo"

REDAZIONE
Sanità nel Lazio, Zingaretti:
Sanità nel Lazio, Zingaretti: "Per la prima volta i conti sono in attivo"
Una sanità che, finalmente, appare in ripresa quella della Regione Lazio. Dopo circa dieci anni in stato di commissariamento, i conti di marzo 2017 hanno fatto registrare un segno positivo accanto alla cifra di bilancio, con un + 137 milioni di attivo. A darne notizia, è stato il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, nel corso di una conferenza stampa tenuta al Ministero dell'economia e delle finanze: "Per la prima volta nella storia i conti sono in attivo, e questa è una grande vittoria". Un risultato che, come spiegato dallo stesso presidente, può garantire un miglioramento degli standard della sanità pubblica e, insieme, l'avvio di un percorso che consenta la crescita di prestazioni e servizi: "I livelli essenziali di assistenza, grazie al segno positivo, aumentano ma, soprattutto, in tal modo ripartono le assunzioni: saranno 3700 nel biennio, con smistamento nelle strutture ospedaliere".

Zingaretti: "In ordine su disavanzo e assistenza"


Un risultato che, secondo quanto spiegato da Zingaretti, consente alla sanità pubblica di affrontare nodi che, finora, erano ritenuti drammatici. Primo fra tutti il problema delle liste d'attesa: "E' il secondo anno consecutivo che il disavanzo è sotto il 5%, a 164 milioni. La prossima settimana - ha spiegato il Presidente - verrà firmato il decreto che permetterà lo stanziamento di milioni di euro per le liste d'attese. Finalmente stiamo vincendo la battaglia della cattiva sanità e, in tal modo, possiamo iniziare a ricostruirne una migliore". L'abbassamento sostanziale del livello di disavanzo, inoltre, permette alla Regione di cominciare finalmente a intravedere uno spiraglio per l'uscita da un commissariamento che, nel 2007, portò la sanità laziale a una battaglia costante dovuta al "disavanzo e ai cattivi livelli di assistenza". Voci sulle quali, stando alle parole di Zingaretti, "il Lazio è ora in ordine".

Un percorso avviato, dunque, sul quale si avranno probabilmente maggiori delucidazioni nel corso del prossimo incontro tra Regione e Mef, previsto per l'estate prossima. Nel frattempo, il presidente ha delineato un primo piano d'investimento, in attesa della suddetta firma e della risoluzione del nodo assunzioni: "Centonove milioni si andranno ad aggiungere ai 264 milioni già sbloccati e dunque in totale per i nuovi investimenti saranno a disposizione 373 milioni".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La locandina del film
STAR WARS

Il lato Chiaro e quello Oscuro de "Gli Ultimi Jedi"

Scelte coraggiose e azzardi, poesia ed errori pericolosi. Cosa pensiamo di Episodio VIII (SPOILER)
Vittorio Emanuele III

Il ritorno del Re

Vittorio Emanuele III tornerà dall'esilio e la sua salma sarà trasferita da Alessandria...
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
Reliquia della Beata Anna Maria Adorni
VATICANO

Presentato il nuovo documento sulle reliquie

Pubblicato dalla Congregazione delle Cause dei Santi
SIRIA

La Russia accusa gli Usa: "Addestrano terroristi"

750 miliziani in un campo profughi nel Nord-Est della Siria
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"