Raggi chiede al Governo di difendere i posti di lavoro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:51

Una missiva all’indirizzo del presidente del Consiglio Paolo Gentiloni e al ministro dello Sviluppo Carlo Calenda. La avrebbe spedita ieri la sindaca Virginia Raggi, da quanto apprende Il Messaggero, in merito alla vertenza Sky, nonché alla possibile perdita di posti lavoro a Roma anche nelle aziende Alitalia, Mediaset, Esso, Almaviva, Ericsson, Aci Informatica.

Ruolo centrale di Roma

Il primo cittadino di Roma avrebbe espresso “la preoccupazione dell’amministrazione capitolina per la sorte di tutti i lavoratori” ed avrebbe rivolto poi un “appello al Governo affinché svolga un ruolo di mediazione, per evitare la perdita di professionalità e posti di lavoro nella Capitale“. La Raggi avrebbe sottolineato dunque che “i nostri concittadini avrebbero di fronte a loro solo lo spettro della disoccupazione“.

Secondo la sindaca capitolina, “bisogna iniziare da subito a mettere in campo tutti gli strumenti necessari per riconsegnare a Roma un ruolo centrale nella strategia di sviluppo economico del Paese”. Nella stessa missiva la prima cittadina avrebbe posto l’attenzione anche sulle vertenze “di Alitalia, di Mediaset, di Esso, di Almaviva, di Ericsson, di Aci Informatica”.

Vertenza Sky

I dipendenti Sky dell’area tecnica e amministrativa della sede di via Salaria sono insidiati in questi giorni dallo spettro di una imminente consegna delle lettere di licenziamento. Questo epilogo è il frutto del mancato accordo (sancito a inizio agosto) fra azienda e sindacati attorno al destino di 102 dipendenti oggetto di una procedura di licenziamento collettivo avviata il 16 maggio scorso. Di questi una quarantina nel frattempo avrebbero trovato una soluzione condivisa con l’azienda. Per altri sessanta sono invece partite le procedure di licenziamento.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.