MARTEDÌ 18 APRILE 2017, 11:22, IN TERRIS

Pasqua, bivacchi e pediluvi al Centro storico: la rete di sicurezza funziona, il controllo sui turisti no

Mezzo milione di persone a Roma per il ponte pasquale ma i monumenti ci rimettono: qualche multa arriva ma la vigilanza va rinforzata

DAMIANO MATTANA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Pasqua, bivacchi e pediluvi al Centro storico: la rete di sicurezza funziona, il controllo sui turisti no
Pasqua, bivacchi e pediluvi al Centro storico: la rete di sicurezza funziona, il controllo sui turisti no
E' trascorso senza problemi il lungo ponte pasquale della città di Roma, blindata in occasione delle celebrazioni religiose, soprattutto durante la Via Crucis al Colosseo del Venerdì Santo e la benedizione Urbi et Orbi della domenica di Pasqua. Hanno dunque funzionato le misure di sicurezza predisposte nella zona del Centro storico da parte del questore Guido Marino, con l'impiego di 3 mila agenti in strada e mezzi blindati nei punti sensibili, durante lo svolgimento della messa e delle altre consuete attività consentite anche dal bel tempo. Discorso diverso, invece, sul fronte turismo incoming. L'atteso mezzo milione di visitatori è arrivato, è passato e, come spesso accaduto, ha lasciato anche qualche ricordo non proprio gradevole, specie nelle aree monumentali del centro, prese letteralmente d'assalto dall'orda turistica nella quale, purtroppo, la parte peggiore e irrispettosa del patrimonio storico altrui è nuovamente emersa.

Bivacchi "monumentali"


Picnic al Colosseo, pediluvi in fontane storiche, bivacchi in zone vietate eppure invase da chi ha ritenuto opportuno effettuare una sosta dovuta al caldo sedendosi sopra le pietre del Parco del Palatino, oppure rinfrescarsi le gambe (fino alle ginocchia) nel fresco della Fontana dei Due Mari del Vittoriano. Nello specifico, due turisti danesi i quali hanno ricevuto una multa (con contestazione annunciata dagli stessi presso la loro ambasciata) di 450 euro. A segnalare gli episodi (non solo a Pasqua), ripetuti in molti casi, sono soprattutto le guide turistiche. In sostanza, in questa occasione, la rete di sicurezza si è rivelata efficace durante le celebrazioni ma, al tempo stesso, la necessaria vigilanza dei flussi turistici si è dimostrata (di nuovo) altrettanto latente. Perché, se da un lato il corposo traffico in entrata nella Capitale, largamente previsto, non è stato accompagnato da un congruo sistema di sorveglianza (troppo esiguo il numero delle unità impiegate per tenere sotto controllo una zona così vasta) è anche vero che la problematica dell'inciviltà nei luoghi storici è una questione tutt'altro che "del momento". Scene di "bagni" rinfrescanti nel Fontanone del Gianicolo o, addirittura (ed è roba di pochi giorni fa), nella Fontana di Trevi, non sono certo una novità in un contesto nel quale, solo un paio d'anni fa, fece scalpore un'invasione incontrollata di ultrà che portò alla semi-devastazione la Barcaccia del Bernini a Piazza di Spagna.

Foto a ogni costo


Più o meno speculare, la moda della foto (o del selfie) a ogni costo. Un desiderio, quello dell'istantanea-ricordo, che non conosce limiti, in nessun luogo. Nemmeno il corso devastato di Amatrice è stato risparmiato dalla follia modale, causando l'ira del sindaco Sergio Pirozzi e, ancora prima, la stessa sorte toccò anche al relitto della Costa Concordia, prima della rimozione dallo scoglio dell'Isola del Giglio. Figurarsi se ci si possa fare qualche scrupolo nel montare a cavalcioni sui leoni del Valadier, a Piazza del Popolo, recentemente soggetti a restauro. O, nondimeno, a valicare il bordo della Barcaccia (anch'essa riqualificata di recente) per immergere le gambe o farsi fotografare fra le acque con lo sfondo di Trinità dei Monti (sgomberata più volte nella giornata di Pasquetta per "tavolate" apparecchiate sui gradini). Uno scenario che, nel ponte della Pasqua 2017, non ha fatto che confermarsi. E, allo stesso tempo, (ri)palesare la necessità di un maggiore (ed efficace) controllo.
Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Carlo Delle Piane
LUTTO NELLO SPETTACOLO

Il cinema piange Carlo Delle Piane

L'attore, 83enne, aveva lavorato con Alberto Sordi, Aldo Fabrizi, Totò, De Sica e Pupi Avati
Mons. Edgar Pena Parra
VATICANO

Venezuela, i vescovi difendono il Sostituto

In una nota l’episcopato denuncia le “false accuse” contro il “numero tre” della Santa Sede,...
La nave Ocean Viking
MIGRANTI

Intesa raggiunta: Ocean Viking attracca a Malta

Il premier maltese ne dà l'annuncio via Twitter: i 356 naufraghi saranno redistribuiti in altri 6 Paesi
La cattedrale di Notre-Dame a Ho Chi Minh
DIALOGO ED EVANGELIZZAZIONE

Vaticano e Vietnam mai così vicini

Incontro tra le delegazioni poi l’udienza con Papa Francesco. Nuovi spazi di libertà per la Chiesa
Pupi Avati
CINEMA

Ecco “Il signor diavolo” di Pupi Avati

Il regista cattolico trasforma in film il suo libro sulla presenza del male
SPAZIO

Nella Via Lattea fino a 10 milioni di "gemelli" della Terra

Lo ha calcolato l’università della Pennysilvania con i dati del telescopio Kepler. La prossima missione spaziale...