Partnership tra il MaXXI e la Triennale di Milano: un biglietto per due musei

ULTIMO AGGIORNAMENTO 2:11

Il Museo nazionale delle arti del XXI secolo (MaXXI) di Roma e la Triennale di Milano fanno rete in nome della promozione della cultura contemporanea in Italia. Dalla precisa convinzione – dichiara Giovanna Melandri, presidente della Fondazione MaXXI – “che i consumi culturali vadano sempre facilitati e sostenuti”, nasce la possibilità di accedere ai due musei con un unico biglietto da 15 euro, valido dal 7 dicembre 2016 al 31 dicembre 2017 e utilizzabile per un solo ingresso a ciascuna delle sedi espositive.

“Fare sistema – spiega Melandri – con le più importanti istituzioni culturali nazionali e internazionali fa parte della mission del MaXXI. La collaborazione con la Triennale – prosegue – arricchisce la nostra offerta culturale, con progetti di grande qualità per i visitatori”.

“Sono sicuro che questo è solo l’inizio”, aggiunge Carlo De Albertis, presidente della Triennale, offrendo orizzonti e futuri progetti a questa alleanza. Il presidente ha infatti dichiarato che la collaborazione tra le due istituzioni italiane “che hanno nel proprio Dna la diffusione della cultura del contemporaneo e la multidisciplinarità” proseguirà nel tempo.

L’accordo inaugura infatti una stagione di collaborazione tra due istituzioni che oltre al medesimo campo di interesse e azione – la Triennale è un’istituzione culturale internazionale che produce mostre, convegni ed eventi di arte, design, architettura, moda, cinema, comunicazione e società dedicate all’arte contemporanea – hanno in comune anche la forma multidisciplinare di rappresentarlo, con un occhio sempre rivolto alle novità tecnologiche e di comunicazione.

Il biglietto è acquistabile presso le due rispettive biglietterie e online sui siti delle istituzioni – www.triennale.org e www.fondazionemaxxi.it – o via vivaticket.it con il sovrapprezzo della prevendita.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.